ELN 2018
Ematobase.it
Xagena Mappa
Medical Meeting

Mieloma multiplo recidivato: Carfilzomib superiore a Bortezomib nell’allungare la sopravvivenza libera da progressione


Una analisi ad interim programmata ha mostrato che lo studio di fase 3 ENDEAVOR che ha messo a confronto Carfilzomib ( Kyprolis ) per via iniettiva in combinazione con Desametasone a basso dosaggio con Bortezomib ( Velcade ) e Desametasone a basso dosaggio, ha incontrato l’endpoint primario di sopravvivenza libera da progressione ( PFS ).
I pazienti con mieloma multiplo recidivato trattati con Carfilzomib hanno presentato una maggiore sopravvivenza senza peggioramento della malattia, dimostrando superiorità statisticamente significativa rispetto a Bortezomib ( PFS mediana 18.7 mesi versus 9.4 mesi, hazard ratio, HR=0.53, 95% CI, 0.44-0.65 ).

La combinazione con Carfilzomib ha dimostrato superiorità rispetto alla combinazione con Bortezomib anche riguardo agli endpoint secondari come il più alto tasso di risposta globale e i più bassi eventi di neuropatia.
I dati di sopravvivenza globale non sono ancora maturi e continuano a essere monitorati.

L'interruzione del trattamento a causa di eventi avversi e la mortalità nel corso dello studio erano comparabili tra i due bracci.
I tassi di insufficienza cardiaca e insufficienza renale per Carfilzomib erano paragonabili a quelli osservati nello studio di fase 3 ASPIRE.
In ENDEAVOR, il tasso di insufficienza cardiaca e di insufficienza renale era superiore nel braccio Carfilzomib rispetto al braccio Bortezomib.
E’stato riscontrato un aumento della incidenza di ipertensione e dispnea nel braccio Carfilzomib versus Bortezomib.

Lo studio ENDEAVOR è il primo di due studi di confronto testa-a-testa tra Kyprolis e Velcade, un inibitore del proteasoma, attualmente approvato per il trattamento del mieloma multiplo.

Lo studio randomizzato ENDEAVOR ( RandomizEd, OpeN Label, Phase 3 Study of Carfilzomib Plus DExamethAsone Vs Bortezomib Plus DexamethasOne in Patients With Relapsed Multiple Myeloma ) di 929 pazienti ha valutato Carfilzomib in combinazione con basse dosi di Desametasone, rispetto a Bortezomib con basse dosi di Desametasone, in pazienti con mieloma multiplo recidivante dopo almeno uno, ma non dopo più di tre precedenti regimi terapeutici.
L'endpoint primario dello studio era la sopravvivenza libera da progressione, definita come il tempo intercorso tra l’inizio del trattamento e la progressione della malattia o il decesso.
I pazienti hanno ricevuto Carfilzomib come infusione di 30 minuti insieme a basse dosi di Desametasone ( 20 mg ). Per il solo ciclo 1, Carfilzomib è stato somministrato al dosaggio di 20 mg/m2 nei giorni 1 e 2, seguito da aumento graduale a 56 mg/m2 nei giorni 8, 9, 15, e 16. I pazienti che hanno tollerato il dosaggio di 56 mg/m2 nel ciclo 1 hanno mantenuto questo dosaggio per i cicli successivi nei giorni 1, 2, 8, 9, 15, e 16 in un ciclo di 28 giorni.
I pazienti che hanno ricevuto Bortezomib ( 1.3 mg/m2 ) con basse dosi di Desametasone ( 20 mg ) hanno ricevuto per via sottocutanea o per via endovenosa Bortezomib a discrezione dello sperimentatore. Più del 75% dei pazienti nel braccio di controllo ha ricevuto Bortezomib per via sottocutanea.

Il 20 luglio 2012, l'FDA ( Food and Drug Administration ) concesse l'approvazione accelerata di Kyprolis per il trattamento dei pazienti con mieloma multiplo che avevano ricevuto almeno due precedenti terapie, tra cui Bortezomib e un immunomodulatore ( IMiD ), con progressione della malattia entro 60 giorni dal completamento dell'ultima terapia.
L'approvazione era basata sul tasso di risposta. Il beneficio clinico, come miglioramento della sopravvivenza o dei sintomi, non fu verificato.
Kyprolis viene somministrato per via endovenosa in 2-10 minuti, in due giorni consecutivi ogni settimana per tre settimane ( giorni 1, 2, 8, 9, 15, e 16 ), seguito da un periodo di riposo di 12 giorni ( giorni da 17 a 28 ) a un dosaggio raccomandato per il ciclo 1 di 20 mg/m2/die, e se tollerata una dose maggiore nel ciclo 2 e nei cicli successivi di 27 mg/m2/die.

Il mieloma multiplo è il secondo tumore ematologico più comune ed è il risultato di un'anomalia delle plasmacellule, generalmente nel midollo osseo.
In tutto il mondo, circa 230.000 persone sono affette da mieloma multiplo, circa 114.000 nuovi casi sono stati diagnosticati e 80.000 persone sono morte nel 2012.
Negli Stati Uniti, circa 83.000 persone sono affette da mieloma multiplo e più di 22.000 nuovi casi sono stati diagnosticati e più di 10.000 persone sono morte nel 2013.
In Europa, circa 89.000 persone sono affette da mieloma multiplo, approssimativamente 42.000 nuovi casi sono stati diagnosticati e circa 26.000 persone sono morte nel 2012. ( Xagena2015 )

Fonte: Amgen, 2015

Emo2015 Onco2015 Farma2015


Indietro