ELN 2018
Ematobase.it
Xagena Mappa
Medical Meeting

Miglioramento della sopravvivenza globale con Carfilzomib, Lenalidomide e Desametasone nei pazienti con mieloma multiplo recidivante o refrattario


Nello studio ASPIRE su Carfilzomib ( Kyprolis ), Lenalidomide ( Revlimid ) e Desametasone ( KRd ) rispetto a Lenalidomide più Desametasone ( Rd ) in pazienti con mieloma multiplo recidivante o refrattario, la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) è risultata significativamente migliorata nel gruppo Carfilzomib ( hazard ratio, HR=0.69; P minore di 0.001 ).

Una analisi prespecificata ha riportato i dati finali di sopravvivenza generale ( OS ) e i risultati di sicurezza aggiornati.

Gli adulti con mieloma multiplo recidivante trattati in precedenza con 1-3 linee di terapia sono stati assegnati in modo casuale a ricevere KRd o Rd in cicli di 28 giorni fino alla sospensione del consenso, alla progressione della malattia o all'insorgenza di tossicità inaccettabile.

Dopo 18 cicli, tutti i pazienti hanno ricevuto solo Lenalidomide più Desametasone.

La sopravvivenza libera da progressione era l'endpoint primario; la sopravvivenza globale era un endpoint secondario chiave.

La sopravvivenza mediana è stata di 48.3 mesi per KRd rispetto a 40.4 mesi per Rd ( HR=0.79; P=0.0045 ).

Nei pazienti sottoposti a una precedente terapia, la sopravvivenza mediana globale è stata più lunga di 11.4 mesi per KRd rispetto a Rd; è stata più lunga di 6.5 mesi per KRD rispetto a Rd tra i pazienti che avevano ricevuto 2 o più precedenti linee di terapia.

I tassi di interruzione del trattamento a causa di eventi avversi sono stati del 19.9% ( KRd ) e del 21.5% ( Rd ).

I tassi di eventi avversi di grado 3 o superiore sono stati dell'87.0% ( KRd ) e dell'83.3% ( Rd ).

Eventi avversi selezionati di grado 3 o superiore di interesse (t ermini raggruppati; KRd vs Rd ) hanno incluso insufficienza renale acuta ( 3.8% vs 3.3% ), insufficienza cardiaca ( 4.3% vs 2.1% ), cardiopatia ischemica ( 3.8% vs 2.3% ), ipertensione ( 6.4% vs 2.3% ), trombocitopenia ematopoietica ( 20.2% vs 14.9% ) e neuropatia periferica ( 2.8% vs 3.1% ).

In conclusione, la combinazione Carfilzomib, Lenalidomide e Desametasone ha dimostrato una riduzione statisticamente significativa e clinicamente significativa del rischio di morte rispetto a Lenalidomide e Desametasone, migliorando la sopravvivenza di 7.9 mesi.
Il vantaggio di efficacia di Carfilzomib, Lenalidomide e Desametasone è più pronunciato alla prima recidiva. ( Xagena2018 )

Siegel DS et al, J Clin Oncol 2018; 36: 728-734

Onco2018 Emo2018 Farma2018


Indietro