Passamonti Neoplasie ematologiche
Arcaini Ematologia
Bringhen - Mieloma
Passamonti: Macroglobulinemia di Waldenstrom

Momelotinib versus Danazolo nei pazienti sintomatici con anemia e mielofibrosi: studio MOMENTUM


Gli inibitori della Janus chinasi ( JAK ) approvati per la mielofibrosi forniscono miglioramenti della milza e dei sintomi, ma non migliorano significativamente l'anemia. Momelotinib, un inibitore first-in-class del recettore dell'attivina A di tipo 1, nonché JAK1 e JAK2, ha mostrato benefici riguardo ai sintomi, al volume della milza e all'anemia nella mielofibrosi.

Sono stati confermati i benefici clinici differenziati di Momelotinib rispetto al confronto attivo Danazolo ( Danatrol ) nei pazienti sintomatici esposti a inibitori JAK con anemia e mielofibrosi a rischio intermedio o alto.

MOMENTUM è uno studio internazionale, in doppio cieco, randomizzato, controllato, di fase 3 che ha arruolato pazienti in 107 centri in 21 Paesi in tutto il mondo.
I pazienti eleggibili erano di età pari o superiore a 18 anni con una diagnosi confermata di mielofibrosi primaria o mielofibrosi post-policitemia vera o post-trombocitemia essenziale.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Momelotinib ( 200 mg per via orale una volta al giorno ) più Danazolo placebo ( gruppo Momelotinib ) o Danazolo ( 300 mg per via orale due volte al giorno ) più Momelotinib placebo ( gruppo Danazolo ), stratificando per punteggio totale dei sintomi ( TSS; inferiore a 22 vs superiore o uguale a 22 ), dimensioni della milza ( inferiore a 12 cm vs superiore o uguale a 12 cm ), globuli rossi o unità di sangue intero trasfuse nelle 8 settimane precedenti la randomizzazione ( 0 unità vs 1-4 unità vs 5 o più unità ) e sede dello studio.

L'endpoint primario era il tasso di risposta TSS del Myelofibrosis Symptom Assessment Form ( MFSAF ) alla settimana 24 ( definito come riduzione del 50% o superiore di TSS MFSAF medio nei 28 giorni immediatamente prima della fine della settimana 24 rispetto al basale ).

In tutto 195 pazienti sono stati assegnati in modo casuale al gruppo Momelotinib ( 130, 67% ) o al gruppo Danazolo ( 65, 33% ) e hanno ricevuto il trattamento in studio nel periodo di trattamento randomizzato di 24 settimane nel periodo 2020-2021.

Una percentuale significativamente maggiore di pazienti nel gruppo Momelotinib ha riportato una riduzione del TSS del 50% o più rispetto al gruppo Danazolo ( 32 su 130, 25%, vs 6 su 65, 9%; differenza di proporzione 16%, P=0.0095 ).

Gli eventi avversi più frequenti di grado 3 o superiore insorti durante il trattamento con Momelotinib e Danazolo erano anomalie ematologiche secondo i valori di laboratorio: anemia ( 79 su 130, 61%, vs 49 su 65, 75% ) e trombocitopenia ( 36, 28%, vs 17, 26% ).

Gli eventi avversi più frequenti non-ematologici di grado 3 o superiore insorti durante il trattamento con Momelotinib e Danazolo sono stati danno renale acuto ( 4 su 130, 3%, vs 6 su 65, 9% ) e polmonite ( 3, 2%, vs 6, 9% ).

Il trattamento con Momelotinib, rispetto al Danazolo, ha portato a miglioramenti clinicamente significativi nei sintomi associati alla mielofibrosi, alle misure di anemia e alla risposta della milza, con una sicurezza favorevole.
Questi risultati supportano l'uso futuro di Momelotinib come trattamento efficace nei pazienti con mielofibrosi, specialmente in quelli con anemia. ( Xagena2023 )

Verstovsek S et al, Lancet 2023; 401: 269-280

Emo2023 Onco2023 Farma2023



Indietro