GSK Ematologia
Janssen Oncology
Ematologia Amgen
Celgene Ematologia

Nivolumab per il linfoma di Hodgkin classico, dopo il fallimento di trapianto autologo di cellule staminali e Brentuximab vedotin


Le cellule maligne del linfoma di Hodgkin classico sono caratterizzate da alterazioni genetiche al locus 9p24.1, che porta alla sovraespressione di legandi di PD-1 e all'evasione dalla sorveglianza immunitaria.
In uno studio di fase 1b, Nivolumab ( Opdivo ), un anticorpo PD-1-bloccante, ha prodotto una elevata risposta nei pazienti con linfoma di Hodgkin classico recidivante e refrattario, con un profilo di sicurezza accettabile.

Uno studio di fase 2 ha valutato il beneficio clinico e la sicurezza della monoterapia con Nivolumab in pazienti con linfoma di Hodgkin classico, dopo il fallimento del trapianto autologo di cellule staminali e di Brentuximab vedotin.

I pazienti adulti di età superiore a 18 anni con linfoma di Hodgkin classico recidivante che non hanno risposto al trapianto autologo di cellule staminali ed era successivamente recidivato o non aveva risposto a Brentuximab vedotin ( Adcetris ) e con un punteggio ECOG performance status di 0 o 1, sono stati arruolati da 34 ospedali e Centri accademici di tutta Europa e Nord America.

Ai pazienti è stato dato Nivolumab per via endovenosa per 60 minuti a 3 mg/kg ogni 2 settimane fino a progressione, morte, tossicità inaccettabile o ritiro dallo studio.

L'endpoint primario era la risposta oggettiva a seguito di un periodo di follow-up minimo pre-specificato di 6 mesi, valutata da un comitato di revisione radiologica indipendente ( IRRC ).

Tutti i pazienti che hanno ricevuto almeno una dose di Nivolumab sono stati inclusi nella analisi primaria e di sicurezza.

Tra gli 80 pazienti trattati reclutati tra il 2014 e il 2015, il numero medio di terapie precedenti era di 4.

A un follow-up mediano di 8.9 mesi, 53 su 80 pazienti hanno raggiunto una risposta obiettiva valutata da IRRC.

Gli eventi avversi correlati al farmaco più comuni ( quelli che si sono verificati nel 15% o più dei pazienti ) hanno incluso affaticamento ( 20 pazienti, 25% ), reazione correlata all’infusione ( 16, 20% ) e rash ( 13, 16% ).

I più comuni eventi avversi di grado 3 o 4 connessi al farmaco sono stati neutropenia ( 4 pazienti, 5% ) e un aumento delle concentrazioni di lipasi ( 4, 5% ).
Il più comune grave evento avverso di ogni grado è stata la piressia ( 3 pazienti, 4% ).

Durante lo studio sono deceduti 3 pazienti; nessuna di queste morti è stata giudicata correlata al trattamento.

Nivolumab ha provocato risposte frequenti con un profilo di sicurezza accettabile nei pazienti con linfoma di Hodgkin classico che era progredito dopo il trapianto autologo di cellule staminali e Brentuximab vedotin.
Pertanto, Nivolumab potrebbe essere una nuova opzione di trattamento per una popolazione di pazienti con un alto bisogno insoddisfatto.
Il follow-up in corso aiuterà a valutare la durata della risposta. ( Xagena2016 )

Younes A et al, Lancet 2016; 17: 1283-1294

Emo2016 Onco2016 Farma2016


Indietro