Janssen Oncology
Linfoma mantellare
Roche Ematologia
ELN 2018

Obinutuzumab o Rituximab più Ciclofosfamide, Doxorubicina, Vincristina e Prednisone nel linfoma diffuso a grandi cellule B precedentemente non-trattato


La chemioterapia con Rituximab ( MabThera ) e CHOP ( Ciclofosfamide, Doxorubicina, Vincristina, Prednisone ) è lo standard di cura nel linfoma diffuso a grandi cellule B non-trattato ( DLBCL ).

Obinutuzumab ( Gazyva ) è un anticorpo monoclonale anti-CD20 di tipo II.
Lo studio GOYA randomizzato di fase III ha confrontato G-CHOP ( CHOP + Obinutuzumab ) con R-CHOP ( CHOP + Rituximab ) in pazienti con linfoma diffuso a grandi cellule B in stadio avanzato precedentemente non-trattato.

I pazienti ( n=1.418 ) sono stati assegnati in modo casuale a ricevere 8 cicli di 21 giorni di Obinutuzumab ( n=706 ) o Rituximab ( n=712 ), più 6 o 8 cicli di CHOP.

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ).

Dopo una osservazione mediana di 29 mesi, il numero di eventi di sopravvivenza libera da progressione è stato simile tra Obinutuzumab ( 201; 28.5% ) e Rituximab ( 215; 30.2% ), l’hazard ratio stratificato è stato pari a 0.92 ( P=0.39 ) e i tassi di sopravvivenza libera da progressione a 3 anni sono stati rispettivamente del 70% e del 67%.
Gli endpoint secondari di sopravvivenza libera da progressione revisionata in modo indipendente, altri endpoint time-to-event e i tassi di risposta del tumore sono stati simili tra i bracci.

Nelle analisi di sottogruppo esplorativo, i pazienti con sottotipo di cellule B simili del centro germinale hanno presentato una sopravvivenza libera da progressione migliore rispetto ai pazienti con sottotipo di cellule B simili attivate, indipendentemente dal trattamento.
La frequenza di eventi avversi di grado da 3 a 5 ( eventi avversi, 73.7% vs 64.7%, rispettivamente ) ed eventi avversi gravi ( 42.6% vs 37.6%, rispettivamente ) è stata più alta con G-CHOP rispetto a R-CHOP.

Le frequenze di eventi avversi fatali sono state del 5.8% per G-CHOP e del 4.3% per R-CHOP. Gli eventi avversi più comuni sono stati neutropenia ( G-CHOP, 48.3%, R-CHOP, 40.7% ), reazioni correlate all'infusione ( G-CHOP, 36.1%, R-CHOP, 23.5% ), nausea ( G-CHOP, 29.4%, R-CHOP, 28.3% ) e costipazione ( G-CHOP, 23.4%, R-CHOP, 24.5% ).

In conclusione, G-CHOP non ha migliorato la sopravvivenza libera da progressione rispetto a R-CHOP in pazienti con linfoma diffuso a grandi cellule B precedentemente non-trattato.
Gli eventi avversi riportati con Obinutuzumab sono stati coerenti con il profilo di sicurezza noto.
Le analisi dei biomarcatori possono aiutare a definire un ruolo futuro per Obinutuzumab nel linfoma diffuso a grandi cellule B. ( Xagena2017 )

Vitolo U et al, J Clin Oncol 2017; 35: 3529-3537

Emo2017 Onco2017 Farma2017


Indietro