ELN 2018
Ematobase.it
Xagena Mappa
Medical Meeting

Obinutuzumab per il trattamento di prima linea del linfoma follicolare


L'immunochemioterapia basata su Rituximab ( MabThera ) ha migliorato i risultati nei pazienti con linfoma follicolare.
Obinutuzumab ( Gazyvaro ) è un anticorpo monoclonale anti-CD20 glico-ingegnerizzato di tipo II.
È stata confrontata la chemioterapia basata sul Rituximab con la chemioterapia a base di Obinutuzumab nei pazienti con linfoma follicolare in stadio avanzato precedentemente non-trattato.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a sottoporsi al trattamento di induzione con chemioterapia a base di Obinutuzumab o chemioterapia a base di Rituximab.
I pazienti con una risposta hanno ricevuto un trattamento di mantenimento per un massimo di 2 anni con lo stesso anticorpo che avevano ricevuto in induzione.

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione.

In totale 1.202 pazienti con linfoma follicolare sono stati sottoposti a randomizzazione ( 601 pazienti in ciascun gruppo ).

Dopo un follow-up mediano di 34.5 mesi, una analisi provvisoria programmata ha mostrato che la chemioterapia a base di Obinutuzumab ha determinato un rischio significativamente inferiore di progressione, recidiva o morte rispetto alla chemioterapia a base di Rituximab ( tasso di sopravvivenza libera da progressione stimato a 3 anni, 80.0% vs 73.3%, hazard ratio per progressione, recidiva o morte, HR=0.66, P=0.001 ).

Risultati analoghi sono stati osservati per quanto riguarda la sopravvivenza libera da progressione secondo una valutazione indipendente e altri endpoint time-to-event.

I tassi di risposta sono stati simili nei due gruppi ( 88.5% nel gruppo Obinutuzumab e 86.9% nel gruppo Rituximab ).

Gli eventi avversi di grado da 3 a 5 sono stati più frequenti nel gruppo con Obinutuzumab rispetto al gruppo con Rituximab ( 74.6% vs 67.8% ), così come gli eventi avversi gravi ( 46.1% vs 39.9% ).

I tassi di eventi avversi con esito fatale sono stati simili nei due gruppi ( 4.0% nel gruppo Obinutuzumab e 3.4% nel gruppo Rituximab ).
Gli eventi avversi più comuni erano eventi correlati alla infusione considerati in gran parte dovuti a Obinutuzumab in 353 su 595 pazienti ( 59.3% ) e a Rituximab in 292 su 597 pazienti ( 48.9%, P minore di 0.001 ).
La nausea e la neutropenia sono risultate comuni.
In totale 35 pazienti ( 5.8% ) nel gruppo Obinutuzumab e 46 ( 7.7% ) nel gruppo Rituximab sono deceduti.

In conclusione, l'immunochemioterapia basata su Obinutuzumab e la terapia di mantenimento hanno portato a una sopravvivenza libera da progressione più lunga rispetto alla terapia a base di Rituximab.
Eventi avversi di alto grado erano più comuni con la chemioterapia a base di Obinutuzumab. ( Xagena2017 )

Marcus R et al, N Engl J Med 2017; 377: 1331-1344

Emo2017 Onco2017 Farma2017


Indietro