Arcaini Ematologia
Passamonti Neoplasie ematologiche
Bringhen - Mieloma
Celgene Ematologia

Obinutuzumab più Lenalidomide nel linfoma follicolare avanzato non-trattato in precedenza che necessita di terapia sistemica: studio LYSA


Obinutuzumab ( Gazyvaro ) e Lenalidomide ( Revlimid ) ( denominata combinazione GALEN ) è una combinazione immunomodulante attiva con un profilo di sicurezza gestibile in più tipi di linfoma.

Sono stati riportati i risultati di efficacia e sicurezza per lo studio di fase 2 GALEN in pazienti non-trattati in precedenza con linfoma follicolare ( FL ) avanzato.
I pazienti eleggibili di età maggiore o uguale a 18 anni presentavano un ECOG performance status minore o uguale a 2 e un carico tumorale elevato, linfoma follicolare di grado da 1 a 3a.

Il trattamento di induzione era Obinutuzumab ( 1.000 mg per via endovenosa [ IV ], giorni 8, 15 e 22, ciclo 1; giorno 1, cicli 2-6 ) più Lenalidomide ( 20 mg/die, giorni 1-21, ciclo 1; giorni 2-22, cicli 2-6 ) per sei cicli di 28 giorni.
Il mantenimento ha incluso Obinutuzumab ( 1.000 mg ogni 2 cicli ) più Lenalidomide ( 10 mg, giorni 2-22 ) per 12 cicli o meno ( anno 1 ) seguito da Obinutuzumab ( 1.000 mg ogni 56 giorni ) per 6 cicli ( anno 2 ).

L'endpoint primario era il tasso di risposta completa ( CRR ) dopo l'induzione secondo i criteri dell'International Working Group del 1999.
Da ottobre 2015 a febbraio 2017 sono stati arruolati in totale 100 pazienti.

Il tasso CRR dopo l'induzione è stato del 47% e il tasso di risposta globale ( ORR ) è stato del 92%.

Le analisi post hoc secondo la classificazione Lugano 2014, con inclusi i pazienti con valutazioni del midollo osseo mancanti, hanno identificato altri 13 pazienti che soddisfacevano i criteri CRR, risultando in una risposta metabolica completa dell'80% e un tasso ORR del 94%.

A un follow-up mediano di 3.7 anni, la sopravvivenza libera da progressione a 3 anni e la sopravvivenza globale sono state rispettivamente dell'82% e del 94%.

L'evento avverso più comune è stata la neutropenia ( 48% di qualsiasi grado; 47% di grado maggiore o uguale a 3 ).
Solo il 2% dei pazienti presentava neutropenia febbrile; altri erano principalmente di grado minore o uguale a 2.
Nessun'altra tossicità specifica di grado maggiore o uguale a 3 si è verificata con una frequenza superiore al 3%.

Nel complesso, questi risultati hanno mostrato un'efficacia clinica promettente per la combinazione GALEN senza chemioterapia nei pazienti precedentemente non-trattati con linfoma follicolare ad alto carico tumorale.
Fatta eccezione per la neutropenia, il profilo di sicurezza della combinazione si è dimostrato notevole. ( Xagena2022 )

Bachy E et al, Blood 2022; 139: 2338-2346

Emo2022 Onco2022 Farma2022


Indietro