Celgene Ematologia
Janssen Oncology
Ematologia Amgen
GSK Ematologia

Omacetaxina mepesuccinato per pazienti con sindrome mielodisplastica ad alto rischio e leucemia mielomonocitica cronica dopo insufficienza di agenti ipometilanti


L'esito dei pazienti con sindromi mielodisplastiche ( MDS ) dopo fallimento degli agenti ipometilanti ( HMA ) non è favorevole, con una sopravvivenza globale ( OS ) mediana di soli 4-6 mesi.
Omacetaxina mepesuccinato ( Synribo ) è sicura ed efficace nelle neoplasie mieloidi ma non è stata studiata nelle sindromi mielodisplastiche dopo fallimento degli agenti ipometilanti.

È stato condotto uno studio di fase II su Omacetaxina mepesuccinato nei pazienti con sindrome mielodisplastica o leucemia mielomonocitica cronica ( CMML ) che avevano precedentemente fallito o erano intolleranti agli agenti ipometilanti.
I pazienti hanno ricevuto Omacetaxina mepesuccinato alla dose di 1.25 mg/m2 per via sottocutanea ogni 12 ore per 3 giorni consecutivi secondo un programma dalle 4 alle 7 settimane.

Gli endpoint primari erano il tasso di risposta globale ( ORR ) e la sopravvivenza globale.

In totale sono stati arruolati 42 pazienti con un'età media di 76 anni.

Il tasso di risposta globale è stato pari al 33%. I pazienti con citogenetica diploide avevano maggiori probabilità di rispondere a Omacetaxina mepesuccinato rispetto a quelli con anomalie citogenetiche ( 58% vs 23%, rispettivamente; P=0.03 ).

Complessivamente, la sopravvivenza mediana globale è stata di 7.5 mesi e la percentuale di sopravvivenza globale a 1 anno del 25%.

I pazienti con citogenetica diploide hanno mostrato sopravvivenza globale superiore rispetto a quelli con anomalie citogenetiche ( sopravvivenza mediana globale: 14.8 vs 6.8 mesi, rispettivamente; P=0.01 ).

Due pazienti avevano una risposta in corso a Omacetaxina mepesuccinato di 2 anni o più ( entrambi con sindromi mielodisplastiche con citogenetica diploide e mutazione RUNX1 ).

Gli eventi avversi più comuni di grado 3 o superiore sono stati: infezioni in 11 pazienti ( 26% ), neutropenia febbrile in 4 ( 10% ) ed emorragia in 3 ( 7% ).

Nel complesso, Omacetaxina mepesuccinato è risultata sicura e attiva nei pazienti con sindromi mielodisplastiche o leucemia mielomonocitica cronica che hanno manifestato fallimento degli agenti ipometilanti.
Questi risultati supportano l'ulteriore sviluppo di Omacetaxina mepesuccinato in questo contesto. ( Xagena2019 )

Short NJ et al, Am J Hematol 2019; 94: 74-79

Emo2019 Farma2019


Indietro