Roche Ematologia
Janssen Oncology
Linfoma mantellare
ELN 2018

Pacritinib rispetto alla migliore terapia disponibile, incluso Ruxolitinib, in pazienti con mielofibrosi


La mielofibrosi è una neoplasia ematologica caratterizzata da splenomegalia e sintomi debilitanti.
La trombocitopenia ha prognosi sfavorevole e limita l'uso dell’inibitore Janus chinasi 1 ( JAK1 ) / Janus chinasi 2 ( JAK2 ) Ruxolitinib.

Sono state confrontate l'efficacia e la sicurezza dell'inibitore JAK2 Pacritinib con quelle della migliore terapia disponibile ( BAT ), incluso Ruxolitinib ( Jakavi ), in pazienti con mielofibrosi e trombocitopenia.

Per lo studio di fase 3 randomizzato PERSIST-2 di Pacritinib vs migliore terapia disponibile, sono stati reclutati 311 pazienti con mielofibrosi e conta piastrinica 100 x 109/l o meno.
Il passaggio da migliore terapia disponibile è stato autorizzato dopo la settimana 24 o per la progressione della splenomegalia.

I pazienti sono stati randomizzati a Pacritinib 400 mg una volta al giorno, Pacritinib 200 mg due volte al giorno o migliore terapia disponibile.

Gli endpoint coprimari erano le percentuali di pazienti che raggiungevano il 35% o più di riduzione del volume della milza ( SVR ) e il 50% o più di riduzione del punteggio totale dei sintomi ( TSS ) alla settimana 24.

Nel complesso, 311 pazienti ( età media, 63.7 anni, 171 uomini [ 55% ] e 140 donne [ 45% ] ) sono stati inclusi nello studio; 149 pazienti ( 48% ) avevano assunto precedentemente Ruxolitinib.
La più comune migliore terapia disponibile è stata a base di Ruxolitinib ( 44 pazienti, 45% ); 19 pazienti ( 19% ) sono stati sottoposti solo a vigile attesa.

La popolazione di efficacia ha incluso 75 pazienti randomizzati a Pacritinib una volta al giorno; 74 a Pacritinib due volte al giorno e 72 a migliore terapia disponibile.

Pacritinib ( bracci combinati ) è risultato più efficace rispetto alla migliore terapia disponibile nella riduzione del volume della milza del 35% o più ( 27 pazienti, 18%, vs 2 pazienti, 3%; P=0.001 ) e ha avuto un tasso significativamente più elevato di riduzione del 50% o più del punteggio TSS ( 37 pazienti, 25%, vs 10 pazienti, 14%; P=0.08 ).

Pacritinib due volte al giorno ha portato a miglioramenti significativi in ​​entrambi gli endpoint rispetto a migliore terapia disponibile ( riduzione del volume della milza maggiore o uguale al 35%: 16 pazienti, 22%, vs 2 pazienti, 3%; P=0.001; riduzione del punteggio TSS del 50% o superiore: 24 pazienti, 32%, vs 10 pazienti, 14%; P=0.01 ).
Il miglioramento clinico dell'emoglobina e la riduzione del carico trasfusionale sono risultati maggiori con Pacritinib due volte al giorno.

Per Pacritinib una volta al giorno, Pacritinib due volte al giorno e migliore terapia disponibile, i più comuni ( più del 10% ) eventi avversi di grado 3 o 4 sono stati: trombocitopenia ( 32 pazienti, 31%, 34 pazienti, 32%, 18 pazienti, 18% ) e anemia ( 28 pazienti, 27%, 23 pazienti, 22%, 14 pazienti, 14% ).
Per Pacritinib una volta al giorno, due volte al giorno e per il braccio migliore terapia disponibile, l'interruzione dovuta a eventi avversi si è verificata in 15 pazienti ( 14% ), 10 pazienti ( 9% ) e 4 pazienti ( 4% ).

In conclusione, nei pazienti con mielofibrosi e trombocitopenia, inclusi quelli con precedente terapia anti-JAK, Pacritinib due volte al giorno è risultato più efficace rispetto alla migliore terapia disponibile, incluso Ruxolitinib, per ridurre la splenomegalia e i sintomi. ( Xagena2018 )

Mascarenhas J et al, JAMA Oncol 2018; 4: 652-659

Onco2018 Emo2018 Farma2018


Indietro