ELN 2018
Ematobase.it
Xagena Mappa
Medical Meeting

Pembrolizumab in combinazione con Pomalidomide e Desametasone nei pazienti con mieloma multiplo recidivato o refrattario esposti a Pomalidomide


La moderna terapia per il mieloma multiplo che comprende gli analoghi della Talidomide, gli inibitori del proteasoma e i farmaci alchilanti ha notevolmente migliorato la sopravvivenza di questa malattia.
Tuttavia, i pazienti con malattia che progredisce nonostante questi trattamenti ha opzioni limitate e una prognosi infausta.

Il ligando della morte programmata 1 ( PD-L1 ) è espresso dalle cellule del mieloma e dalle cellule associate nel microambiente.
In modelli pre-clinici, il blocco dell'asse PD-1 e PD-L1 ha aumentato l'attività anti-mieloma.
Pembrolizumab ( Keytruda ), un anticorpo monoclonale che blocca la segnalazione PD-1 / PD-L1, ha mostrato attività clinica quando combinato con Pomalidomide ( US: Pomalyst; UE: Imnovid ) e Desametasone nei pazienti naïve alla Pomalidomide con mieloma multiplo recidivato o refrattario.

E’stata ora riportata l'esperienza clinica di una popolazione di pazienti in precedenza esposta a Pomalidomide che ha ricevuto il regime a base di Pembrolizumab / Pomalidomide / Desametasone.

I ricercatori hanno analizzato in modo retrospettivo l'efficacia di Pembrolizumab / Pomalidomide / Desametasone in 9 pazienti, esposti alla Pomalidomide, pesantemente pre-trattati, con mieloma multiplo recidivato o refrattario nella prima metà del 2016.
Tutti i pazienti erano stati precedentemente trattati con 5 o più linee di terapia, compresi gli inibitori del proteasoma, farmaci immunomodulatori, e agenti alchilanti tra cui Melfalan ad alto dosaggio, e sottoposti a trapianto autologo di cellule staminali.

Il regime Pembrolizumab / Pomalidomide / Desametasone ha incluso Pembrolizumab 2 mg/kg somministrato per via endovenosa ogni 2 o 3 settimane con Pomalidomide 4 mg ( range 2-4 mg ) per via orale al giorno 21/28 giorni e Desametasone 40 mg ( range 4-40 mg ) settimanale, fino a evidenza di progressione o tossicità inaccettabile.

L'età media dei pazienti era di 65 anni ( range 51-77 ); il 66% dei pazienti era di sesso femminile.
I pazienti avevano una mediana di 8 precedenti linee di terapia ( intervallo: 5-14 ).
La maggior parte dei soggetti ( 78% ) presentava anomalie citogenetiche: 33% guadagno di materiale genetico [ 1q21 ], 44% monosomia 17, e 11% traslocazione t(11; 14)
Prima della terapia, l'89% presentava anemia significativa, 78% lesioni osteolitiche e 2 insufficienza renale significativa ( creatinina 2.32 e 3.32 mg/dl, rispettivamente ), anche se nessun paziente era in dialisi.
In tutti i pazienti la malattia era progredita dopo Lenalidomide, e in 8 pazienti su 9 era progredita con precedente trattamento con Pomalidomide.

I pazienti hanno ricevuto una mediana di 3 cicli ( range 2-7 ) di Pembrolizumab / Pomalidomide / Desametasone, con modificazioni del dosaggio della Pomalidomide e Desametasone sulla base della tossicità.
Sette pazienti hanno ricevuto la profilassi per trombosi venosa profonda con Aspirina ( Acido Acetilsalicilico ).

Il tasso di risposta globale del regime Pembrolizumab / Pomalidomide / Desametasone è stato del 33%.
L’89% dei pazienti ha raggiunto un beneficio clinico ( 3 risposta parziale, 2 risposta molecolare, 3 malattia stabile ).

La sopravvivenza mediana libera da progressione è stata di 57 giorni ( 0-85 giorni ).

Non sono state riscontrate interruzioni del trattamento o decessi attribuiti a tossicità del farmaco; non ci sono stati casi di polmonite.
Sono stati osservati eventi avversi coerenti con le precedenti segnalazioni per Pembrolizumab così come per Pomalidomide e Desametasone in tutti e 9 i pazienti.
Questi eventi avversi includevano: affaticamento ( n=9 ), anemia ( n=9 ), trombocitopenia ( n=7 ), neutropenia ( n=5 ), diarrea ( n=5 ), febbre ( n=4 ), mancanza di respiro ( n=4 ), edema degli arti inferiori ( n=4 ), nausea / vomito ( n=3 ), e insufficienza renale ( n=3 ).
Due pazienti hanno presentato colite non-infettiva che ha risposto al Prednisone.

La sopravvivenza globale a 6 mesi per i 9 pazienti è stata del 56%; 4 pazienti sono morti per progressione della malattia.

In conclusione, Pembrolizumab / Pomalidomide / Desametasone è un regime attivo nel mieloma multiplo recidivato e refrattario con una tossicità accettabile anche in una popolazione di pazienti pesantemente trattata, esposta alla Pomalidomide. ( Xagena2016 )

Wilson L et al, ASH ( American Society of Hematology ) Meeting 2016

Emo2016 Onco2016 Farma2016


Indietro