Janssen Oncology
Roche Ematologia
Linfoma mantellare
ELN 2018

Pembrolizumab più Pomalidomide e Desametasone per pazienti con mieloma multiplo recidivante o refrattario: studio KEYNOTE-183


Pomalidomide ( Imnovid ) e Desametasone sono uno standard di cura per i pazienti con mieloma multiplo in cui il trattamento con Bortezomib e Lenalidomide è fallito.
KEYNOTE-183 ha valutato l'efficacia e la sicurezza di Pomalidomide e Desametasone con o senza Pembrolizumab ( Keytruda ) in pazienti con mieloma multiplo recidivante o refrattario.

Sono stati presentati i risultati di un'analisi ad hoc ad interim non-pianificata su richiesta della Agenzia regolatoria statunitense FDA ( Food and Drug Administration ).

KEYNOTE-183 è stato uno studio di fase 3 randomizzato, in aperto, condotto in 97 Centri medici in 11 Paesi ( Australia, Canada, Francia, Germania, Israele, Italia, Giappone, Nuova Zelanda, Norvegia, Spagna e Stati Uniti ).
I pazienti di età pari o superiore a 18 anni con mieloma multiplo, un ECOG di 0 o 1, precedentemente trattati con almeno due linee di terapia ( esclusa Pomalidomide ) e refrattari all'ultima linea, sono stati assegnati in modo casuale al gruppo Pembrolizumab più Pomalidomide e Desametasone o al gruppo Pomalidomide e Desametasone.

I pazienti hanno ricevuto Pomalidomide orale 4 mg al giorno nei giorni 1-21 e Desametasone orale a basso dosaggio 40 mg nei giorni 1, 8, 15 e 22 in cicli di 28 giorni, con o senza Pembrolizumab per via endovenosa 200 mg ogni 3 settimane.

Gli endpoint primari erano la sopravvivenza libera da progressione e la sopravvivenza globale.
L'efficacia è stata valutata in tutti i pazienti assegnati in modo casuale e la sicurezza è stata valutata nei pazienti che hanno ricevuto almeno una dose di trattamento in studio.

Tra il 2016 e il 2017, 249 pazienti sono stati assegnati in modo casuale al gruppo Pembrolizumab più Pomalidomide e Desametasone ( n=125 ) o al gruppo Pomalidomide e Desametasone ( n=124 ).

Nel 2017, la FDA ha stabilito che i rischi associati alla tripla combinazione superavano i benefici e ha interrotto lo studio.
Il follow-up mediano è stato di 8.1 mesi.

La sopravvivenza libera da progressione mediana è stata di 5.6 mesi nel gruppo Pembrolizumab più Pomalidomide e Desametasone rispetto a 8.4 mesi nel gruppo Pomalidomide e Desametasone; le stime di sopravvivenza libera da progressione a 6 mesi sono state del 48% rispetto al 60% a 6 mesi ( hazard ratio, HR=1.53; P=0.98 ).

La sopravvivenza globale mediana non è stata raggiunta versus 15.2 mesi ( HR 1.61; P=0.95 ); le stime di sopravvivenza globale a 6 mesi sono state dell'82% vs 90%.

Eventi avversi gravi si sono verificati in 75 pazienti su 120 ( 63% ) nel gruppo Pembrolizumab più Pomalidomide e Desametasone rispetto a 56 su 121 pazienti ( 46% ) nel gruppo Pomalidomide e Desametasone.

Si sono verificati 4 decessi ( 3% ) correlati al trattamento nel gruppo Pembrolizumab più Pomalidomide e Desametasone ( uno ciascuno per causa sconosciuta, sepsi neutropenica, miocardite e sindrome di Stevens-Johnson ); miocardite e sindrome di Stevens-Johnson sono state considerate correlate a Pembrolizumab.
Non sono stati riportati decessi correlati al trattamento nel gruppo Pomalidomide e Desametasone.

I risultati di questa analisi intermedia non-pianificata, richiesta dalla FDA, hanno mostrato che il profilo di rischio-beneficio di Pembrolizumab più Pomalidomide e Desametasone è sfavorevole per i pazienti con mieloma multiplo recidivante o refrattario. ( Xagena2019 )

Mateos MV et al, Lancet Haematology 2019; 6: 459-469

Emo2019 Onco2019 Farma2019


Indietro