Janssen Oncology
ELN 2018
Roche Ematologia
Ematobase.it

Polatuzumab vedotin o Pinatuzumab vedotin più Rituximab nei pazienti con linfoma non-Hodgkin recidivato o refrattario: studio ROMULUS


I coniugati anticorpo-farmaco ( ADC ) Polatuzumab vedotin e Pinatuzumab vedotin hanno mostrato attività clinica e tollerabilità negli studi di fase 1.
Lo scopo di questo studio multicentrico, in aperto, di fase 2 è stato quello di confrontare Rituximab più Polatuzumab ( R-Polatuzumab ) o Pinatuzumab ( R-Pinatuzumab ) nei pazienti con linfoma diffuso a grandi cellule B recidivato o refrattario e linfoma follicolare.

In questo studio randomizzato di fase 2 in 39 siti sperimentali in 6 Paesi, i pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere R-Polatuzumab o R-Pinatuzumab ( 375 mg/m2 Rituximab più 2.4 mg/kg di ADC ) ogni 21 giorni fino a progressione della malattia o tossicità inaccettabile fino a 1 anno.

Gli obiettivi principali erano la sicurezza e la tollerabilità e la risposta antitumorale.

81 pazienti con linfoma diffuso a grandi cellule B e 42 con linfoma follicolare sono stati reclutati tra il 2012 e il 2013 e sono stati assegnati al trattamento.
81 pazienti con linfoma diffuso a grandi cellule B e 41 pazienti con linfoma follicolare erano idonei per l'analisi.

Dei 42 pazienti con linfoma diffuso a grandi cellule B che hanno ricevuto R-Pinatuzumab, 25 ( 60% ) hanno ottenuto una risposta obiettiva e 11 ( 26% ) hanno ottenuto una risposta completa.

Dei 39 pazienti in questa coorte che hanno ricevuto R-Polatuzumab, 21 ( 54% ) hanno ottenuto una risposta obiettiva e 8 ( 21% ) hanno ottenuto una risposta completa.

Dei 21 pazienti nella coorte di linfoma follicolare che hanno ricevuto R-Pinatuzumab, 13 ( 62% ) hanno ottenuto una risposta obiettiva, e 1 ( 5% ) ha ottenuto una risposta completa.

Dei 20 pazienti in questa coorte che hanno ricevuto R-Polatuzumab, 14 ( 70% ) hanno ottenuto una risposta obiettiva e 9 ( 45% ) hanno ottenuto una risposta completa.

Nella coorte di linfoma diffuso a grandi cellule B, gli eventi avversi di grado 3-5 si sono verificati in 33 pazienti su 42 ( 79% ) trattati con R-Pinatuzumab ( i più comuni erano neutropenia, 29%, e iperglicemia, 10%; 9 eventi avversi di grado 5, 21%, 5 dei quali erano correlati a infezioni ) e in 30 pazienti su 39 ( 77% ) trattati con R-Polatuzumab ( i più comuni erano neutropenia, 23%, anemia, 8% e diarrea, 8%; nessun evento avverso di grado 5 ).

Nella coorte di linfoma follicolare, si sono verificati eventi avversi di grado 3-5 in 13 pazienti su 21 ( 62% ) trattati con R-Pinatuzumab ( i più comuni erano neutropenia, 29%, e iperglicemia, 14%, nessun evento avverso di grado 5 ) e in 10 pazienti su 20 ( 50% ) trattati con R-Polatuzumab ( i più comuni erano neutropenia, 15%, e diarrea, 10%, un evento avverso di grado 5 ).

R-Pinatuzumab e R-Polatuzumab sono potenziali opzioni di trattamento nei pazienti con linfoma diffuso a grandi cellule B recidivato o refrattario e linfoma follicolare.
Polatuzumab è stato selezionato per un ulteriore sviluppo nel linfoma non-Hodgkin, in parte a causa della durata della risposta più lunga rispetto a Pinatuzumab e per un rischio-beneficio generale a favore di R-Polatuzumab. ( Xagena2019 )

Morschhauser F et al, Lancet Haematology 2019; 6: 254-265

Onco2019 Emo2019 Farma2019


Indietro