Ematologia Amgen
Janssen Oncology
GSK Ematologia
Celgene Ematologia

Pomalidomide, Bortezomib e Desametasone per i pazienti con mieloma multiplo recidivante o refrattario precedentemente trattati con Lenalidomide: studio OPTIMISMM


Man mano che la Lenalidomide ( Revlimid ) viene sempre più confermata per il trattamento iniziale del mieloma multiplo, i pazienti refrattari a questo farmaco rappresentano una popolazione con bisogni insoddisfatti.
La combinazione di Pomalidomide ( Imnovid ), Bortezomib ( Velcade ) e Desametasone ha mostrato risultati promettenti negli studi di fase 1/2 di pazienti con mieloma multiplo recidivante o refrattario.
Sono state valutate l'efficacia e la sicurezza di questo regime tripletta nei pazienti con mieloma multiplo recidivante o refrattario che avevano precedentemente ricevuto Lenalidomide.

È stato condotto uno studio randomizzato, in aperto, di fase 3 presso 133 ospedali e centri di ricerca in 21 Paesi.
Sono stati arruolati pazienti di età a partire da 18 anni con una diagnosi di mieloma multiplo e malattia misurabile, un ECOG performance status di 0-2, che avevano ricevuto da uno a tre regimi precedenti, incluso un regime contenente Lenalidomide per almeno due cicli consecutivi.

Sono stati assegnati in modo casuale i pazienti a Bortezomib e Desametasone con o senza Pomalidomide stratificando in base all'età, al numero di regimi precedenti e alla concentrazione di beta-2 microglobulina allo screening.
Bortezomib ( 1.3 mg/m2 ) è stato somministrato per via endovenosa fino all'emendamento 1 del protocollo, quindi per via endovenosa o sottocutanea nei giorni 1, 4, 8 e 11 per i primi 8 cicli e successivamente nei giorni 1 e 8.
Desametasone ( 20 mg, 10 mg se età superiore a 75 anni ) è stato somministrato per via orale negli stessi giorni di Bortezomib e il giorno successivo.
I pazienti assegnati a Pomalidomide hanno ricevuto 4 mg per via orale nei giorni 1-14. I cicli di trattamento erano ogni 21 giorni.

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) nella popolazione intention-to-treat.
La sicurezza è stata valutata in tutti i pazienti che hanno ricevuto almeno una dose di farmaco in studio.

Tra il 2013 e il 2017 sono stati arruolati 559 pazienti. 281 pazienti sono stati assegnati a Pomalidomide, Bortezomib e Desametasone e 278 sono stati assegnati a Bortezomib e Desametasone.

Il follow-up mediano è stato di 15.9 mesi.

Pomalidomide, Bortezomib e Desametasone hanno migliorato significativamente la sopravvivenza libera da progressione rispetto a Bortezomib e Desametasone ( mediana 11-20 mesi vs 7.10 mesi; hazard ratio, HR=0.61, P minore di 0.0001 ).

278 pazienti hanno ricevuto almeno una dose di Pomalidomide, Bortezomib e Desametasone e 270 pazienti hanno ricevuto almeno una dose di Bortezomib e Desametasone e questi pazienti sono stati inclusi nelle valutazioni di sicurezza.

Gli eventi avversi più comuni emergenti dal trattamento di grado 3 o 4 sono stati neutropenia ( 116 su 278 pazienti, 42%, vs 23 su 270 pazienti, 9%; 9, 3%, vs nessun paziente aveva neutropenia febbrile ), infezioni ( 86, 31%, vs 48, 18% ) e trombocitopenia ( 76, 27%, vs 79, 29% ).

Sono stati segnalati eventi avversi gravi in ​​159 pazienti su 278 ( 57% ) vs 114 su 270 pazienti ( 42% ).

8 decessi sono stati correlati al trattamento; 6 ( 2% ) sono avvenuti in pazienti che hanno ricevuto Pomalidomide, Bortezomib e Desametasone ( polmonite n=2, causa sconosciuta n=2, arresto cardiaco n=1, arresto cardiorespiratorio n=1 ) e 2 ( 1% ) sono stati riportati in pazienti che hanno ricevuto Bortezomib e Desametasone ( polmonite n=1, encefalopatia epatica n=1 ).

I pazienti con mieloma multiplo recidivante o refrattario che precedentemente avevano ricevuto Lenalidomide hanno significativamente migliorato la sopravvivenza libera da progressione quando sono stati trattati con Pomalidomide, Bortezomib e Desametasone rispetto a Bortezomib e Desametasone.

Gli eventi avversi sono stati coerenti con i singoli profili di Pomalidomide, Bortezomib e Desametasone.
Questo studio supporta l'uso di Pomalidomide, Bortezomib e Desametasone come opzione di trattamento nei pazienti con mieloma multiplo recidivante o refrattario che avevano precedentemente ricevuto Lenalidomide. ( Xagena2019 )

Richardson PG et al, Lancet Oncology 2019; 20: 781-794

Onco2019 Emo2019 Farma2019


Indietro