Passamonti Neoplasie ematologiche
Arcaini Ematologia
Bringhen - Mieloma
Celgene Ematologia

Pretrattamento con Globulina anti-timociti o senza in pazienti con neoplasie ematologiche sottoposti a trapianto di cellule emopoietiche da donatori non-imparentati


ll pretrattamento con Globulina anti-timociti ( ATG ) riduce la comparsa della malattia graft-versus-host cronica ( cGVHD ) dopo trapianto di cellule emopoietiche da donatore non-imparentato, ma manca l'evidenza di beneficio al paziente.
Si è verificato se la Globulina anti-timociti fornisce benefici al paziente, in particolare riducendo la necessità di un trattamento immunosoppressivo a lungo termine dopo il trapianto.

È stato effettuato uno studio di fase 3, multicentrico, in aperto, randomizzato e controllato presso 10 Centri di trapianto in Canada e 1 in Australia.

I pazienti eleggibili erano di età compresa tra 16 e 70 anni con qualsiasi malignità ematologica e un punteggio Karnofsky di almeno 60, in trattamento con regimi preparatori di condizionamento mieloablativi o non-mieloablativi ( o a intensità ridotta ) prima del trapianto di cellule emopoietiche da un donatore non-imparentato.

I pazienti sono stati assegnati a Globulina anti-timociti di coniglio pretrapianto più profilassi standard per GVHD ( gruppo ATG ) o a profilassi per GVHD standard da sola ( nessun gruppo ATG ).

È stata somministrata una dose totale di Globulina anti-timociti di 4.5 mg/kg per via endovenosa per 3 giorni ( 0.5 mg/kg 2 giorni prima del trapianto, 2.0 mg/kg 1 giorno prima, e 2.0 mg/kg 1 giorno dopo ).

L'endpoint primario era la libertà da tutti i farmaci immunosoppressori sistemici senza ripresa dell’assunzione fino a 12 mesi dopo il trapianto.

Tra il 2010 e il 2013, sono stati reclutati e assegnati 203 pazienti eleggibili al trattamento ( 101 a ATG e 102 a no-ATG ).

37 ( 37% ) dei 99 pazienti che hanno ricevuto Globulina anti-timociti erano liberi dal trattamento immunosoppressivo a 12 mesi rispetto a 16 ( 16% ) dei 97 che non avevano ricevuto Globulina anti-timociti ( odds ratio aggiustato, aOR=4.25; P=0.00060 ).

Il verificarsi di eventi avversi gravi ( CTCAE di grado 4 o 5 ) non differiva tra i gruppi di trattamento ( 34 di 99 pazienti nel gruppo ATG [ 34% ] vs 41 di 97 pazienti nel gruppo senza ATG [ 42% ] ).

La riattivazione del virus di Epstein-Barr è stata sostanzialmente più comune nei pazienti che hanno ricevuto Globulina anti-timociti ( 20, uno dei quali è morto, l'unico decesso a causa di un evento avverso ) rispetto a coloro che non hanno ricevuto Globulina anti-timociti ( 2, nessun decesso ).

Nessun decesso è stato attribuito alla Globulina anti-timociti.

La Globulina anti-timociti dovrebbe essere aggiunta ai regimi di preparazione mieloblativi e non-mieloblativi per il trapianto di cellule emopoietiche quando si utilizzano donatori non-imparentati.
I benefici della riduzione dell’uso di steroidi sono clinicamente significativi.
La riattivazione del virus di Epstein-Barr viene aumentata, ma è gestibile con un monitoraggio prospettico e l'uso di Rituximab.
Studi futuri potrebbero determinare se le dosi di Globulina anti-timociti utilizzate sono ottimali, e potrebbero anche fornire ulteriori elementi di evidenza di un tasso di recidiva basso dopo i regimi non-mieloablativi. ( Xagena2016 )

Walker I et al, Lancet 2016; 17: 164-173

Onco2016 Emo2016 Farma2016


Indietro