ELN 2018
Ematobase.it
Xagena Mappa
Medical Meeting

Prevenzione della trombosi venosa nei pazienti sottoposti a chirurgia per la sostituzione totale del ginocchio: minore incidenza di tromboembolismo venoso nei pazienti trattati con ISIS-FXI Rx rispetto a Enoxaparina


I dati definitivi di uno studio controllato di fase 2 che ha valutato l'incidenza di eventi tromboembolici venosi ( TEV ) in pazienti trattati con ISIS-FXI Rx sottoposti a un intervento chirurgico di sostituzione totale del ginocchio, o artroplastica totale del ginocchio sono stati pubblicati sul The New England Journal of Medicine ( NEJM ) e sono stati presentati al 2014 Meeting dell’American Society of Hematology ( ASH ).
ISIS-FXI Rx è un farmaco antisenso, progettato per ridurre la produzione di Fattore XI.

Sebbene Warfarin ( Coumadin ) e gli inibitori orali della trombina e del Fattore Xa siano efficaci, presentano limiti che impediscono o riducono il loro uso in diverse indicazioni.
Inoltre, nonostante il beneficio degli anticoagulanti esistenti, vi è il rischio di emorragia quando vengono somministrati a dosaggi terapeutici.
Di conseguenza, permane un forte bisogno insoddisfatto di anticoagulanti più sicuri e più efficaci.

Per il fatto che il fattore XI è coinvolto nella propagazione di coaguli, ma non nella loro iniziazione, i ricercatori della McMaster University ( Ontario, Canada ) hanno ipotizzato che la riduzione della attività del fattore XI potrebbe diminuire il rischio di trombosi venosa profonda dopo un intervento chirurgico di sostituzione del ginocchio senza aumentare il rischio di sanguinamento.
Questo concetto è supportato da studi su pazienti con deficit congenito del Fattore XI; questi pazienti sono a rischio ridotto di trombosi venosa e non vanno incontro a emorragie spontanee.

I risultati di questo studio sono importanti per due motivi. Innanzitutto, questi risultati sono a sostegno dell’importante ruolo biologico del Fattore XI nello sviluppo di coaguli di sangue dopo l'intervento chirurgico. In secondo luogo, i risultati hanno mostrato che l'abbassamento dei livelli del Fattore XI con ISIS-FXI Rx era associato a una riduzione della coagulazione senza aumentare il rischio di sanguinamento.

Nello studio, i ricercatori hanno riferito che i pazienti trattati con ISIS-FXI Rx hanno registrato una diminuzione dose-dipendente di eventi tromboembolici venosi.
I pazienti trattati con 300 mg di ISIS-FXI Rx hanno sperimentato un tasso sette volte inferiore di tromboembolismo venoso rispetto a quelli trattati con Enoxaparina ( Clexane; Lovenox ) ( 4.2% e 30.4%, rispettivamente; p inferiore a 0.001 ).
I pazienti trattati con 200 mg di ISIS-FXI Rx hanno mostrato un tasso di tromboembolismo venoso comparabile a quello dei pazienti trattati con Enoxaparina ( 26.9% e 30.4%, rispettivamente ).
Il tasso di tromboembolismo venoso nei pazienti trattati con Enoxaparina era compreso nell'intervallo documentato in studi precedenti in questa condizione terapeutica.
Il trattamento ISIS-FXI Rx era associato a una riduzione dose-dipendente e sostenuta della attività del Fattore XI che era correlato al più basso tasso di tromboembolismo venoso.
Il tasso di sanguinamento è risultato basso sia con ISIS-FXI Rx sia con Enoxaparina.

Questo studio è il primo a valutare la strategia terapeutica di abbassamento dei livelli di Fattore XI nei pazienti, e dai risultati è emerso che il Fattore XI è un nuovo bersaglio per la terapia antitrombotica.
Il tasso di tromboembolismo venoso con ISIS-FXI Rx in questo studio di fase 2 era inferiore a quello osservato negli studi precedenti con i nuovi anticoagulanti orali in questo ambito chirurgico.

ISIS-FXI Rx potrebbe essere utile in diversi contesti terapeutici, tra cui i pazienti ad alto rischio di trombosi e ad alto rischio di sanguinamento.

Lo studio di fase 2 di ISIS-FXI Rx, che ha riguardato 293 pazienti sottoposti ad artroplastica totale del ginocchio, era uno studio, multicentrico, in aperto, che ha messo a confronto ISIS-FXI Rx con Enoxaparina.
I pazienti nei gruppi ISIS-FXI Rx hanno ricevuto 200 o 300 mg di ISIS-FXI Rx per 6 settimane prima dell’intervento di artroplastica totale del ginocchio e 6 ore e 3 giorni dopo l'intervento chirurgico.
I pazienti nel gruppo Enoxaparina hanno ricevuto 40 mg di Eparina a basso peso molecolare la sera prima dell'intervento, e una volta al giorno, successivamente, per almeno otto giorni.
Tutti i pazienti sono stati sottoposti a venografia bilaterale per rilevare la trombosi venosa profonda.

In questo studio, ISIS-FXI Rx è stato ben tollerato. Non sono state rilevate differenze riguardo ai risultati di sicurezza rispetto a Enoxaparina.
In particolare, non sono stati riscontrati sintomi simil-influenzali, e le reazioni nel sito di iniezione erano poco frequenti e di lieve entità.
Ad oggi non sono stati segnalati gravi eventi avversi correlati al farmaco. ( Xagena2014 )

Fonte: Isis Pharmaceuticals, 2014

Cardio2014 Emo2014 Orto2014 Chiru2014 Farma2014


Indietro