ELN 2018
Ematobase.it
Xagena Mappa
Medical Meeting

Profilassi con Emicizumab nella emofilia A con inibitori


Emicizumab ( Hemlibra ) lega il ​​fattore IX e il fattore X attivati per ripristinare la funzione del fattore VIII attivato, che è carente nelle persone con emofilia A.
Uno studio di fase 3 multicentrico ha valutato la profilassi con Emicizumab, somministrato per via sottocutanea, una volta alla settimana in persone con emofilia A con inibitori del fattore VIII.

Sono stati arruolati partecipanti a partire da 12 anni di età. Coloro che avevano precedentemente ricevuto un trattamento episodico con agenti bypassanti sono stati assegnati in modo casuale alla profilassi con Emicizumab ( gruppo A ) o a nessuna profilassi ( gruppo B ).
I partecipanti che avevano precedentemente ricevuto un trattamento profilattico con agenti bypassanti hanno ricevuto la profilassi con Emicizumab nel gruppo C.

L'endpoint primario era rappresentato dalla differenza nei tassi di sanguinamento tra il gruppo A e il gruppo B.

In totale sono stati arruolati 109 partecipanti di sesso maschile con emofilia A con inibitori.

Il tasso di sanguinamento annualizzato è stato di 2.9 eventi tra i partecipanti assegnati casualmente alla profilassi con Emicizumab ( gruppo A, 35 partecipanti ) rispetto a 23.3 eventi tra quelli assegnati a nessuna profilassi ( gruppo B, 18 partecipanti ), che ha rappresentato una differenza significativa dell'87% a favore della profilassi con Emicizumab ( P minore di 0.001 ).

In totale 22 partecipanti nel gruppo A ( 63% ) hanno presentato eventi di sanguinamento pari a 0, rispetto a 1 partecipante ( 6% ) nel gruppo B.

Tra i 24 partecipanti nel gruppo C che avevano partecipato a uno studio non-interventistico, la profilassi con Emicizumab ha provocato un tasso di sanguinamento significativamente inferiore del 79% rispetto al tasso con la precedente profilassi con agenti bypassanti ( P minore di 0.001 ).

Complessivamente, sono stati riportati 198 eventi avversi in 103 partecipanti che hanno ricevuto la profilassi con Emicizumab; gli eventi più frequenti sono stati reazioni al sito di iniezione ( nel 15% dei partecipanti ).
Microangiopatia trombotica e trombosi sono state riportate in 2 partecipanti ciascuno nell'analisi primaria che avevano ricevuto più infusioni del complesso protrombinico attivato concentrato per sanguinamento vaginale.
Non sono stati rilevati anticorpi anti-farmaco.

In conclusione, la profilassi con Emicizumab è risultata associata a una percentuale significativamente inferiore di eventi emorragici rispetto alla profilassi tra i partecipanti con emofilia A con inibitori. ( Xagena2017 )

Oldenburg J et al, N Engl J Med 2017; 377: 809-818

Emo2017 Farma2017


Indietro