Madrid 22nd congress
2017 ASH Meeting on Hematologic
isth 2017
OncologiaMedica.net

Remissioni molecolari durature nella leucemia linfatica cronica trattata con cellule T modificate con il recettore chimerico specifico per l'antigene CD19 dopo insuccesso di Ibrutinib


Sono state valutate la sicurezza e la fattibilità della terapia con cellule T modificate con il recettore chimerico dell’antigene ( CAR-T ) anti-CD19 in pazienti con leucemia linfatica cronica ( CLL ) che avevano precedentemente ricevuto Ibrutinib ( Imbruvica ).

24 pazienti con leucemia linfatica cronica hanno ricevuto chemioterapia con linfodeplezione e cellule CAR-T anti-CD19 a uno di tre livelli di dosaggio ( 2 x 105, 2 x 106 o 2 x 107 cellule CAR-T/kg ).

19 pazienti hanno manifestato progressione della malattia durante il trattamento con Ibrutinib, 3 erano intolleranti a Ibrutinib, e 2 non hanno presentato progressione durante il trattamento con Ibrutinib.
6 pazienti erano refrattari a Venetoclax e 23 avevano un cariotipo complesso e/o una delezione 17p.

Quattro settimane dopo l'infusione di cellule CAR-T, il tasso di risposta globale ( risposta completa CR e/o risposta parziale PR ) secondo i criteri IWCLL ( International Workshop on Chronic Lymphocytic Leukemia ) era del 71% ( 17 su 24 )

20 pazienti ( 83% ) hanno sviluppato la sindrome da rilascio di citochine e 8 ( 33% ) hanno sviluppato neurotossicità, che era reversibile in tutti i pazienti tranne uno con esito fatale.

20 su 24 pazienti hanno ricevuto linfodelezione con Ciclofosfamide e Fludarabina e cellule CAR-T anti-CD19 alla dose massima tollerata o a dose inferiore ( 2 o meno x 106 cellule CAR-T/kg ).

In 19 di questi pazienti che sono stati sottoposti a nuova stadiazione, il tasso di risposta globale per i criteri di imaging IWCLL 4 settimane dopo l'infusione è stato del 74% ( CR, 4/19, 21%; PR, 10/19, 53% ) e 15 su 17 pazienti ( 88% ) con malattia del midollo prima delle cellule CAR-T non presentavano più la malattia secondo la citometria di flusso dopo le cellule CAR-T.

12 di questi pazienti sono stati sottoposti a sequenziamento IGH profondo e in 7 ( 58% ) non sono state rilevate sequenze IGH maligne nel midollo

L'assenza del clone IGH maligno nel midollo di pazienti con leucemia linfatica cronica che hanno risposto secondo i criteri IWCLL è stata associata a sopravvivenza libera da progressione e sopravvivenza globale del 100% ( follow-up mediano di 6.6 mesi ) dopo l'immunoterapia con cellule CAR-T.
La sopravvivenza libera da progressione è risultata simile nei pazienti con risposta parziale o risposta completa linfonodale secondo i criteri IWCLL.

In conclusione, le cellule CAR-T anti-CD19 sono altamente efficaci nei pazienti ad alto rischio con leucemia linfatica cronica dopo aver avuto un fallimento del trattamento con la terapia con Ibrutinib. ( Xagena2017 )

Turtle CJ et al, J Clin Oncol 2017 35: 3010-3020

Emo2017 Onco017 Med2017



Indietro