2017 ASH Meeting on Hematologic
isth 2017
Madrid 22nd congress
Reumatologia

Riduzione del ferro corporeo nella emocromatosi HFE-correlata e moderato sovraccarico di ferro


La emocromatosi ereditaria da disturbo da sovraccarico di ferro è più comunemente causata da omozigosi HFE p.Cys282Tyr.
In assenza di risultati di studi randomizzati, l'evidenza attuale è insufficiente per determinare se i soggetti con emocromatosi ereditaria e ferritina sierica moderatamente elevata debbano essere sottoposti a trattamento di riduzione del ferro
Si è cercato di stabilire se la normalizzazione della ferritina sierica in questa popolazione possa migliorare i sintomi e i biomarcatori surrogati.

Lo studio multicentrico, in cieco, controllato e randomizzato Mi-Iron, condotto in tre Centri in Australia, ha arruolato pazienti omozigoti per HFE p.Cys282Tyr, di età compresa tra 18 e 70 anni, con ferritina sierica moderatamente elevata, definita come 300-1.000 mcg/l, e aumentata saturazione della transferrina.

I partecipanti sono stati assegnati casualmente a sottoporsi a riduzione del ferro mediante eritrocitoaferesi ( gruppo di trattamento ) o trattamento simulato mediante plasmaferesi ( gruppo di controllo ).
La randomizzazione è stata stratificata per ferritina sierica al basale ( inferiore a 600 mcg/l o 600 mcg/l o superiore ), sesso e sito di studio.

L’eritrocitoaferesi e la plasmaferesi sono state effettuate ogni 3 settimane, il numero di procedure e il volume di globuli rossi o plasma rimosso è stato determinato sulla base dell'emoglobina di ciascun paziente, ematocrito e concentrazione di ferritina sierica, così come altezza e peso.

Nel gruppo di eritrocitoaferesi, l'obiettivo era ridurre la ferritina sierica a meno di 300 mcg/l.
Il numero di procedure per il gruppo di controllo si è basato sulla ferritina sierica iniziale e sulla previsione della diminuzione della ferritina sierica di circa 120 mcg/l per trattamento.

L'esito primario era il punteggio MFIS ( Modified Fatigue Impact Scale ) riferito dal paziente, misurato al basale e al momento di terminare la procedura in cieco.

Tra il 2012 e il 2016, 104 partecipanti sono stati assegnati in modo casuale al gruppo di trattamento ( n=54 ) e al gruppo di controllo ( n=50 ), di cui 94 hanno completato lo studio ( 50 nel gruppo di trattamento e 44 nel gruppo di controllo ).

Il miglioramento del punteggio MFIS è stato maggiore nel gruppo di trattamento rispetto al gruppo di controllo ( differenza media -6.3, P=0.013 ).
E' stata osservata una differenza significativa nella sottocomponente cognitiva ( -3.6, P=0.0030 ), ma non in quella fisica ( -1.90, P=0.14 ) e psicosociale ( -0.54, P=0.10 ).

Nessun evento avverso grave si è verificato in entrambi i gruppi. Un partecipante al gruppo di controllo ha avuto un evento vasovagale e 17 partecipanti ( 14 nel gruppo di trattamento e 3 nel gruppo di controllo ) hanno presentato sintomi transitori considerati correlati all'ipovolemia.
Lievi reazioni del citrato sono risultate più comuni nel gruppo di trattamento ( 32 eventi su 129 procedure, 25% ) rispetto al gruppo di controllo ( un evento su 93 procedure, 1% ).

Lo studio ha valutato obiettivamente le conseguenze della rimozione del ferro in soggetti con emocromatosi ereditaria e ferritina sierica moderatamente elevata.
I risultati suggeriscono che la normalizzazione della ferritina sierica per deplezione di ferro potrebbe essere di beneficio per tutti gli individui con emocromatosi ereditaria e livelli elevati di ferritina sierica. ( Xagena2017 )

Ong SY et al, Lancet Haematology 2017; 4: 607-614

Emo2017



Indietro