Bringhen - Mieloma
Ematologia Amgen
Celgene Ematologia
Janssen Oncology

Rigosertib versus migliore terapia di supporto per i pazienti con sindromi mielodisplastiche ad alto rischio dopo il fallimento dei farmaci ipometilanti


I farmaci ipometilanti sono il trattamento standard per i pazienti con sindromi mielodisplastiche ad alto rischio.
La sopravvivenza è ridotta dopo il fallimento di questi farmaci; non esiste una terapia di seconda linea approvata.

È stata confrontata la sopravvivenza globale dei pazienti trattati con Rigosertib e la migliore terapia di supporto con quella dei pazienti trattati con migliore terapia di supporto da sola in soggetti con sindromi mielodisplastiche con eccesso di blasti, dopo il fallimento del trattamento con Azacitidina o Decitabina.

Lo studio randomizzato e controllato è stato effettuato presso 74 ospedali e centri medici universitari negli Stati Uniti e in Europa.

Sono stati arruolati pazienti con diagnosi di anemia refrattaria con eccesso di blasti, RAEB-1, RAEB-2, RAEB-t, o leucemia mielomonocitica cronica sulla base della valutazione del sito locale, e fallimento della terapia con un farmaco ipometilante negli ultimi 2 anni.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Rigosertib 1.800 mg ogni 24 ore con 72 ore di infusione endovenosa continua somministrata ogni due settimane o migliore terapia di supporto con o senza Citarabina a basso dosaggio.

La randomizzazione è stata stratificata per percentuale di blasti ossei nel midollo pretrattamento.
Né i pazienti né i ricercatori erano a conoscenza del trattamento assegnato.

L'endpoint primario era la sopravvivenza globale nella popolazione intention-to-treat.

Dal 2010 al 2013 sono stati arruolati 299 pazienti: 199 assegnati a Rigosertib, 100 assegnati alla migliore terapia di supporto.

Il follow-up è stato di 19.5 mesi.

A febbraio 2014, la sopravvivenza mediana globale era di 8.2 mesi nel gruppo Rigosertib e 5.9 mesi nel gruppo con migliore terapia di supporto ( hazard ratio, HR=0.87, P=0.33 ).

Gli eventi avversi più comuni di grado 3 o superiore sono stati anemia ( 34 su 184 pazienti, 18%, nel gruppo Rigosertib vs 7 su 91 pazienti, 8%, nel gruppo migliore terapia di supporto ), trombocitopenia ( 35, 19%, vs 6, 7% ), neutropenia ( 31, 17%, vs 7, 8% ), neutropenia febbrile ( 22, 12%, vs 10, 11% ) e polmonite ( 22, 12%, vs 10, 11% ). 41 pazienti su 184 ( 22% ) nel gruppo Rigosertib e 30 su 91 pazienti ( 33% ) nel gruppo migliore terapia di supporto sono morti a causa di eventi avversi e 3 decessi sono stati attribuiti al trattamento con Rigosertib.

Rigosertib non ha migliorato in modo significativo la sopravvivenza globale rispetto alla migliore terapia di supporto.
Uno studio randomizzato di Rigosertib di fase 3 è in corso in specifici sottogruppi di pazienti considerati ad alto rischio, compresi i pazienti con rischio molto elevato per i criteri IPSS-R ( Revised International Prognostic Scoring System ). ( Xagena2016 )

Garcia-Manero G et al, Lancet 2016; 17: 496-508

Emo2016 Onco2016 Farma2016


Indietro