Roche
ELN 2018
Janssen Oncology
Ematobase.it

Rischio di secondo tumore fino a 40 anni dopo il trattamento per il linfoma di Hodgkin


I superstiti al linfoma di Hodgkin sono ad aumentato rischio di successive neoplasie maligne correlate al trattamento.
L'effetto dei trattamenti meno tossici, introdotti alla fine del 1980, sul rischio a lungo termine di un secondo tumore rimane sconosciuto.

Sono state arruolate 3.905 persone nei Paesi Bassi che erano sopravvissute per almeno 5 anni dopo l'inizio del trattamento per il linfoma di Hodgkin.
I pazienti avevano ricevuto il trattamento tra il 1965 e il 2000, quando avevano tra 15 e 50 anni di età.

È stato confrontato il rischio di un secondo cancro tra questi pazienti con il rischio atteso sulla base dell’incidenza del cancro nella popolazione generale.
I rischi specifici del trattamento sono stati confrontati all'interno della coorte.

Con un follow-up mediano di 19.1 anni, sono stati diagnosticati 1.055 secondi tumori in 908 pazienti, con un conseguente tasso di incidenza standardizzato ( SIR ) di 4.6 nella coorte di studio rispetto alla popolazione in generale.

Il rischio era ancora elevato 35 anni o più dopo il trattamento ( SIR=3.9 ), e l'incidenza cumulativa di un secondo tumore nella coorte di studio a 40 anni è stata pari al 48.5%.

L'incidenza cumulativa di secondi tumori solidi non differiva in base al periodo di studio ( 1965-1976, 1977-1988, 1989-2000 ) ( P=0.71 per l'eterogeneità ).
Anche se il rischio di cancro al seno era più basso tra le pazienti che sono state trattate con radioterapia del campo sopradiaframmatico senza comprendere il cavo ascellare rispetto a coloro che sono state esposte a irradiazione a mantello ( hazard ratio, HR=0.37 ), il rischio di cancro al seno non è risultato più basso tra le pazienti trattate nel periodo di studio 1989-2000 rispetto a quelle trattate nei due periodi precedenti.

Una dose cumulativa di Procarbazina di 4.3 g o più per metro quadrato di superficie corporea ( che è stata associata a menopausa precoce ) è risultata correlata a un rischio significativamente più basso di tumore alla mammella ( hazard ratio per il confronto con nessuna chemioterapia, 0.57 ), ma a un rischio maggiore di cancro gastrointestinale ( HR=2.70 ).

In conclusione, il rischio di secondi tumori solidi non sembra essere più basso tra i pazienti trattati nel più recente periodo studiato ( 1989-2000 ) rispetto a quelli trattati nei periodi precedenti.
La consapevolezza di un aumentato rischio di secondo tumore resta cruciale per i sopravvissuti a linfoma di Hodgkin. ( Xagena2015 )

Schaapveld M et al, N Engl J Med 2015; 373: 2499-2511

Emo2015 Onco2015 Farma2015


Indietro