ELN 2018
Janssen Oncology
Roche Ematologia
Ematobase.it

Risposta molecolare e citogenetica a lungo termine e sopravvivenza con Imatinib 400 mg, Imatinib 800 mg, Dasatinib e Nilotinib in pazienti con leucemia mieloide cronica in fase cronica


Diversi inibitori della tirosin-chinasi ( TKI ) sono disponibili per il trattamento di pazienti con leucemia mieloide cronica in fase cronica ( CML-CP ). Sono state analizzate la risposta molecolare e citogenetica a lungo termine e gli esiti di sopravvivenza per quattro modalità di inibitori della tirosin-chinasi utilizzati come terapia di prima linea per la leucemia mieloide cronica in fase cronica.

In un'analisi di coorte retrospettiva, sono stati inseriti i dati di pazienti con leucemia mieloide cronica in fase cronica trattati in studi clinici prospettici con modalità TKI di prima linea in un unico Istituto tra il 2000 e il 2013.

L'obiettivo principale dello studio era determinare se il raggiungimento della risposta citogenetica completa o di una risposta molecolare maggiore avesse implicazioni prognostiche simili indipendentemente dalla modalità dell’inibitore della tirosin-chinasi di prima linea utilizzato.

L’analisi ha incluso 482 pazienti trattati con Imatinib [ Glivec ] 400 mg al giorno ( n=68 ), Imatinib 800 mg al giorno ( n=200 ), Dasatinib [ Sprycel ] 50 mg due volte al giorno o 100 mg al giorno ( n=106 ), o Nilotinib [ Tasigna ] 400 mg due volte al giorno ( n=108 ).

Più pazienti trattati con Imatinib 800 mg o con un inibitore della tirosin-chinasi di seconda generazione ( Dasatinib o Nilotinib ) hanno raggiunto risposta citogenetica completa ( 58 su 67, 87%, per Imatinib 400 mg vs 180 su 199, 90%, per Imatinib 800 mg, vs 100 su 104, 96%, per Dasatinib vs 99 su 107, 93%, per Nilotinib ), risposta molecolare maggiore ( 51, 76%, vs 171, 86%, vs 93, 90%, vs 97, 91% ), e 4.5 log o superiore riduzione di trascrizioni BCR-ABL ( MR4.5 risposta 38, 57%, vs 148, 74%, vs 76, 71%, vs 76, 71% ). Questo risultato è stato costante nel tempo ( 3-60 mesi ).

La sopravvivenza libera da eventi a 5 anni e stata significativamente diversa tra il gruppo Imatinib 400 mg e gli altri gruppi TKI ( Imatinib 800 mg P=0.029, Dasatinib P=0.003, Nilotinib P=0.031 ).

Non c'è stata alcuna differenza significativa nella sopravvivenza a 5 anni libera da fallimento ( P=0.32, P=0.075, P=0.332 ), sopravvivenza libera da trasformazione ( P=0.053, P=0.038, P=0.493 ), o nella sopravvivenza globale ( P=0.563, P=0.162, P=0.981 ).

L'analisi multivariata ha mostrato che la terapia con Imatinib 800 mg ( hazard ratio, HR=0.51, P=0.016 ), Dasatinib ( HR=0.28, P=0.004 ), o Nilotinib ( HR=0.42, P=0.024 ) ha previsto una migliore sopravvivenza libera da eventi rispetto a Imatinib 400 mg, ma che la sopravvivenza libera da fallimento, senza trasformazione e generale sono state simili indipendentemente dal TKI utilizzato.

28 pazienti ( 41% ) trattati con Imatinib 400 mg, 85 ( 43% ) trattati con Imatinib 800 mg, 23 ( 21% ) trattati con Dasatinib e 27 ( 25% ) trattati con Nilotinib hanno interrotto il trattamento per qualsiasi motivo.

Il trattamento con Imatinib 800 mg o con un inibitore della tirosin-chinasi di seconda generazione Dasatinib o Nilotinib ha provocato risposte superiori e più profonde rispetto a Imatinib alla dose standard, che sono state confermate dopo 5 anni di follow-up.
I risultati con Imatinib 800 mg sono stati simili a quelli con inibitore della tirosin-chinasi di seconda generazione, anche se più pazienti hanno interrotto la terapia. ( Xagena2015 )

Jain P et al, Lancet 2015;2:e118-e128

Emo2015 Onco2015 Farma2015


Indietro