ELN 2018
Ematobase.it
Xagena Mappa
Medical Meeting

Rituximab e rischio di trasformazione del linfoma follicolare


La trasformazione istologica del linfoma follicolare a linfoma aggressivo è un evento grave con un effetto sostanziale sull'esito del paziente.
Lo scopo dello studio Aristotle è stato quello di valutare l'effetto del Rituximab ( MabThera ) sul rischio di trasformazione istologica e il suo esito.

Hanno fornito dati a questo studio 11 gruppi cooperativi o Centri di tutta Europa. I pazienti eleggibili di età a partire da 18 anni presentavano linfoma follicolare istologicamente confermato di grado 1, 2 o 3a, diagnosticato tra il 1997 e il 2013.
La trasformazione istologica è stata definita come un linfoma aggressivo sottoposto a biopsia che si è verificato come primo evento dopo la terapia di prima linea.

Gli endpoint primari erano il rischio cumulativo di trasformazione istologica e la sopravvivenza dopo la trasformazione.

Le informazioni erano disponibili per 10.001 pazienti con linfoma follicolare, 8.116 dei quali erano idonei per l'analisi.
Sono state segnalate 509 trasformazioni istologiche.

Dopo un follow-up mediano di 87 mesi, il rischio cumulativo a 10 anni di trasformazione istologica è stato del 7.7%.

Il rischio cumulativo a 10 anni di trasformazione istologica è stato pari al 5.2% nei pazienti che hanno ricevuto Rituximab e 8.7% in quelli che non lo hanno ricevuto ( hazard ratio, HR=0.73, P=0.004 ).

Il rischio cumulativo a 10 anni di trasformazione istologica è stato del 5.9% per i pazienti che hanno ricevuto solo Rituximab di induzione e del 3.6% per i pazienti trattati con Rituximab di induzione e mantenimento ( HR=0.55, P=0.003 ).

Questo risultato è stato confermato in una analisi multivariata ( P=0.016 ). 287 decessi sono stati registrati in 509 pazienti con trasformazione istologica, risultando in una sopravvivenza a 10 anni dopo la trasformazione del 32%.

La sopravvivenza dopo la trasformazione non differiva tra i pazienti non-esposti a Rituximab e quelli che hanno ricevuto Rituximab solo in induzione ( HR=0.94, P=0.70 ) e quelli che hanno ricevuto Rituximab in induzione e mantenimento ( HR=0.96, P=0.88 ).

Il rischio di trasformazione istologica come primo evento può essere significativamente ridotto dall'uso di Rituximab.
Questi risultati supportano la necessità di informare i pazienti che utilizzano Rituximab al giorno d'oggi che il rischio di trasformazione è inferiore a quello che era prima dell'introduzione di Rituxumab. ( Xagena2018 )

Federico M et al, Lancet Haematol 2018; 5: e.359-e.367

Onco2018 Emo2018 Farma2018


Indietro