Celgene Ematologia
GSK Ematologia
Janssen Oncology
Ematologia Amgen

Rituximab più Clorambucile come trattamento di prima linea per la leucemia linfatica cronica


La maggior parte dei pazienti con leucemia linfatica cronica è anziana e/o ha morbilità che potrebbero rendere queste persone non-idonee alla terapia con Fludarabina ( Fludara ).

Per questa popolazione, la monoterapia con Clorambucile ( Leukeran ) rappresenta un’opzione terapeutica appropriata; tuttavia, i tassi di risposta a Clorambucile sono bassi e servono trattamenti più efficaci.

È stato disegnato uno studio per valutare se l’aggiunta di Rituximab ( MabThera, Rituxan ) a Clorambucile [ R-Clorambucile ] influenzasse la sicurezza e l’efficacia in pazienti con leucemia linfatica cronica.

Pazienti con leucemia linfatica cronica di prima linea sono stati trattati con Rituximab ( 375 mg/m2 al giorno 1, ciclo 1, e 500 mg/m2 in seguito ) più Clorambucile ( 10 mg/m2/giorno tutti i cicli; da giorno 1 fino a 7 ) per 6 cicli di 28 giorni.

Per i pazienti che avevano raggiunto una risposta completa, era possibile somministrare 6 ulteriori cicli di solo Clorambucile.

L’endpoint primario era la sicurezza.

In totale, 100 pazienti sono stati trattati con R-Clorambucile, con un follow-up mediano di 30 mesi.

L’età mediana dei pazienti era 70 anni ( intervallo, 43-86 anni ), con pazienti che avevano una mediana di 7 comorbilità.

Le tossicità ematologiche hanno rappresentato la maggior parte degli eventi avversi di grado 3/4 riportati, con neutropenia e linfopenia entrambe presenti nel 41% dei pazienti e leucopenia nel 23%.

I tassi di risposta generale sono stati 84%, con la risposta completa raggiunta nel 10% dei pazienti.

La sopravvivenza mediana libera da progressione è stata di 23.5 mesi.

In conclusione, questi risultati si confrontano favorevolmente con quelli precedentemente pubblicati per la monoterapia con Clorambucile, suggerendo che l’aggiunta di Rituximab a Clorambucile potrebbe migliorare l’efficacia senza eventi avversi inattesi.

R-Clorambucile potrebbe migliorare l’esito per pazienti non-idonei ai trattamenti a base di Fludarabina. ( Xagena2014 )

Hillmen P et al, J Clin Oncol 2014; 32: 1236-1241

Onco2014 Emo2014 Farma2014


Indietro