ELN 2018
Ematobase.it
Xagena Mappa
Medical Meeting

Ruolo del trapianto di cellule staminali ematopoietiche per il linfoma di Hodgkin recidivato e refrattario


La strategia di trattamento ottimale con l'uso del trapianto di cellule staminali ematopoietiche ( HSCT ) per il linfoma di Hodgkin ( HL ) recidivato e refrattario rimane poco chiara.
È stata effettuata un'analisi retrospettiva utilizzando i dati della Japanese Society for Hematopoietic Cell Transplantation.

Sono stati inclusi pazienti adulti con linfoma di Hodgkin sottoposti a un primo trapianto di cellule staminali ematopoietiche autologo o allogenico tra il 2002 e il 2009.
Sono stati esclusi i pazienti sottoposti a trapianto in prima remissione completa ( CR ).

Il trapianto di cellule staminali ematopoietiche autologo e allogenico è stato eseguito su, rispettivamente, 298 e 122 pazienti.

Per il trapianto di cellule staminali ematopoietiche autologo, la sopravvivenza globale a 3 anni è stata del 70%; sesso, età, stato di malattia e performance status al momento del trapianto di cellule staminali ematopoietiche erano fattori prognostici.
La sopravvivenza globale è risultata favorevole anche nei pazienti sottoposti a trapianto autologo in status della malattia diverso da remissione completa.

Per il trapianto allogenico, la sopravvivenza globale a 3 anni è stata del 43%, e il sesso e il performance status al momento del trapianto erano fattori prognostici.

Lo stato di malattia al momento del trapianto, un precedente trapianto autologo e l'intensità del condizionamento non hanno influenzato la sopravvivenza globale.
Inoltre, la malattia del trapianto contro l'ospite non ha influenzato la sopravvivenza libera da progressione o il tasso di recidiva / progressione.

Un primo trapianto allogenico senza un precedente trapianto autologo è stato eseguito in 40 pazienti.

La sopravvivenza globale a 3 anni è stata del 45%, ed era significativamente inferiore a quella nei pazienti sottoposti a primo trapianto autologo.
Questo risultato è stato mantenuto dopo la correzione per diverse caratteristiche del paziente in base al tipo di trapianto.

In conclusione, il trapianto di cellule staminali ematopoietiche autologo è efficace nel prolungare la sopravvivenza nei pazienti con linfoma di Hodgkin recidivante e refrattario.
Il trapianto allogenico potrebbe essere utile anche per il linfoma di Hodgkin recidivato dopo trapianto autologo, anche se stabilire il ruolo del trapianto di cellule staminali ematopoietiche allogenico rimane una sfida. ( Xagena2015 )

Kako S et al, Am J Hematol 2015;90:132-138

Emo2015 Onco2015



Indietro