Janssen Oncology
Ematologia Amgen
GSK Ematologia
Celgene Ematologia

Ruxolitinib per il trattamento della policitemia vera non-controllata in modo adeguato senza splenomegalia


Nello studio RESPONSE, Ruxolitinib ( Jakavi ), un inibitore Janus chinasi ( JAK ) 1 e JAK2, è risultato superiore alla migliore terapia disponibile nel controllare l’ematocrito e migliorare la splenomegalia e i sintomi nei pazienti con policitemia vera con splenomegalia non adeguatamente controllati con Idrossiurea.

È stata valutata l'efficacia e la sicurezza di Ruxolitinib nel controllo della malattia nei pazienti con policitemia vera senza splenomegalia che necessitavano di terapia di seconda linea.

RESPONSE-2 è uno studio, in aperto, randomizzato, di fase 3b, per valutare Ruxolitinib rispetto alla migliore terapia disponibile nei pazienti con policitemia vera, effettuato in 48 ospedali o cliniche in 12 Paesi in Asia, Australia, Europa e Nord America.

I pazienti eleggibili di età a partire da 18 anni con policitemia vera, senza splenomegalia palpabile e la resistenza o intolleranza a Idrossiurea sono stati stratificati per il loro stato di terapia con Idrossiurea ( resistenza vs intolleranza ) e sono stati assegnati in modo casuale a ricevere per via orale Ruxolitinib 10 mg due volte al giorno o la migliore terapia disponibile ( Idrossiurea alla dose massima tollerata, Interferone o Interferone pegilato, Pipobroman, Anagrelide, immunomodulatori approvati, o nessun trattamento citoriduttivo ).

L'endpoint primario era la percentuale di pazienti che hanno raggiunto il controllo dell’ematocrito alla settimana 28.

Le analisi sono state fatte per intention-to-treat, comprendendo i dati di tutti i pazienti randomizzati al trattamento.

Tra il 2014 e il 2015, sono stati valutati 173 pazienti per l'ammissibilità, 74 pazienti sono stati randomizzati a ricevere Ruxolitinib e 75 a ricevere la migliore terapia disponibile. 
Alla randomizzazione, la migliore terapia disponibile comprendeva: Idrossiurea ( 37 su 75 nel gruppo migliore terapia disponibile, 49% ), Interferone o Interferone pegilato ( 10 su 75, 13% ), Pipobroman ( 5 su 75, 7% ), Lenalidomide ( 1 su 75, 1% ), nessun trattamento ( 21 su 75, 28% ), e altro ( 1 su 75, 1% ).

Il controllo dell’ematocrito è stato ottenuto in 46 su 74 pazienti ( 62% ) trattati con Ruxolitinib rispetto a 14 su 75 pazienti ( 19% ) che hanno ricevuto la migliore terapia disponibile ( odds ratio, OR=7.28; P minore di 0.0001 ). 

I più frequenti eventi avversi ematologici di qualsiasi grado sono stati anemia ( 10 su 74, 14%, nel gruppo Ruxolitinib vs 2 su 75, 3%, nel gruppo migliore terapia disponibile ) e trombocitopenia ( 2, 3%, vs 6, 8% ).

Nessun caso di anemia o trombocitopenia di grado 3-4 si è verificato con Ruxolitinib; un paziente ( 1% ) ha riferito di anemia di grado 3-4 e 3 pazienti ( 4% ) hanno riferito di trombocitopenia di grado 3-4 nel gruppo trattato con la migliore terapia disponibile.
Eventi avversi di grado 3-4 non-ematologici frequenti sono stati ipertensione ( 5 su 74, 7%, vs 3 su 75, 4% ) e prurito ( 0 su 74 vs 2 su 75, 3% ).

Eventi avversi gravi si sono verificati in più del 2% dei pazienti in entrambi i gruppi, indipendentemente dalla causa, compresa trombocitopenia ( nessuno nel gruppo Ruxolitinib vs 2 su 75, 3%, nel gruppo migliore terapia disponibile ) e angina pectoris ( 2 su 74, 3%, nel gruppo Ruxolitinib vs nessuno nel gruppo migliore terapia disponibile ).

Si sono verificati 2 decessi, entrambi nel gruppo di migliore terapia disponibile.

RESPONSE-2 ha raggiunto l'endpoint primario. I risultati di questo studio hanno indicato che Ruxolitinib potrebbe essere considerato uno standard di cura per la terapia di seconda linea in questa popolazione di paziente post-Idrossiurea. ( Xagena2017 )

Passamonti F et al, Lancet Oncology 2017; 18: 88-99

Emo2017 Onco2017 Farma2017


Indietro