Arcaini Ematologia
Bringhen - Mieloma
Passamonti Neoplasie ematologiche
Passamonti: Macroglobulinemia di Waldenstrom

Seconde neoplasie primarie nei pazienti con tumori ematologici trattati con Lenalidomide


Lenalidomide ( Revlimid ) ha rappresentato la terapia standard per il mieloma multiplo e altre neoplasie ematologiche per più di un decennio.
Precedenti meta-analisi hanno identificato un'associazione tra Lenalidomide e seconde neoplasie primarie ( SPM ) nei pazienti con mieloma multiplo.

Tuttavia, studi controllati randomizzati più recenti che utilizzano Lenalidomide per altre indicazioni non hanno riportato un aumento dell'incidenza di seconde neoplasie primarie.
È stato esaminato il rischio di sviluppare seconde neoplasie primarie con l'uso di Lenalidomide in tutti i contesti patologici.

È stata fatta una revisione sistematica di studi randomizzati controllati che hanno riportato seconde neoplasie primarie nei pazienti trattati con Lenalidomide.
Sono stati selezionati studi controllati randomizzati con almeno un gruppo Lenalidomide e un gruppo non-Lenalidomide, indipendentemente dal setting di malattia.
Sono stati esclusi gli studi con un follow-up mediano inferiore a 12 mesi.

I dati di riepilogo sono stati estratti da due revisori in modo indipendente e verificati da un terzo revisore. È stata quindi condotta una meta-analisi per valutare il rapporto di rischio ( RR ) di seconde neoplasie primarie con l'uso di Lenalidomide in vari sottotipi di malattia.

La ricerca ha prodotto 9.078 studi e 38 studi che includevano 14.058 pazienti erano eleggibili per la meta-analisi dopo lo screening, 18 dei quali erano sul mieloma multiplo.

Il rapporto di rischio per tutti i tumori maligni era 1.16. Tuttavia, c'era eterogeneità tra le indicazioni ( P=0.020 ).
Il rapporto di rischio quando è stata impiegata la Lenalidomide per il mieloma multiplo è stato pari a 1.42.

Non c'è stato aumento di seconde neoplasie primarie negli studi sul linfoma o sulla leucemia linfatica cronica ( 0.90 ) e sulla sindrome mielodisplastica ( 0.96 ).

Nel contesto del mieloma multiplo, la Lenalidomide ha aumentato le seconde neoplasie primarie sia solide che ematologiche, sia in assenza di trapianto che in condizioni post-trapianto.
Dei 38 studi, 21 ( 55% ) avevano un basso rischio di bias, 12 ( 32% ) avevano un rischio non-definito di bias, e 5 ( 13% ) avevano un alto rischio di bias.

Sulla base dei dati attuali, la seconde neoplasie primarie indotte da Lenalidomide sembrano verificarsi esclusivamente nei pazienti con mieloma multiplo.
Pertanto, la Lenalidomide può essere utilizzata per altre indicazioni senza la preoccupazione principale di una neoplasia correlata alla terapia.

Nel contesto del mieloma multiplo, la Lenalidomide è un farmaco efficace, ma i pazienti devono essere monitorati sia per le seconde neoplasie primarie ematologiche che per tumore solido.

Questo monitoraggio ha incluso pazienti che non hanno ricevuto trapianto autologo di cellule staminali ematopoietiche.
Sono necessarie ulteriori indagini per migliorare la comprensione del motivo per cui la Lenalidomide promuove le seconde neoplasie primarie solo nei pazienti con mieloma multiplo. ( Xagena2022 )

Saleem K et al, Lancet Haematology 2022; 9: 906-918

Emo2022 Onco2022 Farma2022



Indietro