Arcaini Ematologia
Passamonti Neoplasie ematologiche
Bringhen - Mieloma
Janssen Oncology

Sicurezza e attività del blocco di PD1 con Pidilizumab in associazione con Rituximab in pazienti con linfoma follicolare recidivato


Le risposte immunitarie antitumorali endogene o iatrogeniche possono migliorare il decorso del linfoma follicolare, ma potrebbero venire ridotte dai checkpoint immunitari nel microambiente tumorale.

Questi checkpoint potrebbero includere effetti della proteina PD1, un recettore co-inibitorio che riduce la funzione delle cellule T ed è altamente espresso nelle cellule T intratumorali.

È stato condotto uno studio di fase 2 per valutare l’attività di Pidilizumab, un anticorpo monoclonale umanizzato anti-PD1, con Rituximab ( MabThera ) nei pazienti con linfoma follicolare recidivato.

Lo studio in aperto e non-randomizzato è stato condotto presso l’University of Texas - MD Anderson Cancer Center di Houston, negli Stati Uniti.

Pazienti adulti ( età uguale o superiore a 18 anni ) con linfoma follicolare sensibile a Rituximab in recidiva dopo 1-4 precedenti terapie sono risultati eleggibili.

Pidilizumab è stato somministrato alla dose di 3 mg/kg per via intravenosa ogni 4 settimane per 4 infusioni, più 8 infusioni opzionali ogni 4 settimane per i pazienti con malattia stabile o migliore.

A partire da 17 giorni dopo la prima infusione di Pidilizumab, Rituximab è stato somministrato alla dose di 375 mg/m2 per via intravenosa settimanalmente per 4 settimane.

L’endpoint primario era la proporzione di pazienti che avevano raggiunto una risposta oggettiva ( risposta completa più risposta parziale in base ai criteri Revised Response Criteria for Malignant Lymphoma ).

Le analisi sono state condotte per intention-to-treat.

Nello studio sono stati arruolati 32 pazienti nel periodo 2010-2012.

Il follow-up mediano è stato di 15.4 mesi ( IQR 10.1-21.0 ).

La combinazione di Pidilizumab e Rituximab è risultata ben tollerata, senza eventi avversi di grado 3 o 4 autoimmuni o correlati al trattamento.

Gli eventi avversi più comuni di grado 1 sono stati anemia ( 14 pazienti ) e fatigue ( n=13 ), e il più comune evento avverso di grado 2 è stata l’infezione respiratoria ( n=5 ).

Dei 29 pazienti valutabili per attività, 19 ( 66% ) hanno raggiunto una risposta oggettiva: risposte complete sono state osservate in 15 ( 52% ) pazienti e risposte parziali in 4 ( 14% ).

In conclusione, la combinazione di Pidilizumab più Rituximab è ben tollerata e attiva in pazienti con linfoma follicolare in recidiva.
Questi risultati suggeriscono che il blocco del checkpoint immunitario merita di essere uteriormente approfondito in studi sul linfoma follicolare. ( Xagena2014 )

Westin JR et al, Lancet Oncol 2014; 15: 69-77

Emo2014 Onco2014 Farma2014


Indietro