Janssen Oncology
Celgene Ematologia
Ematologia Amgen
GSK Ematologia

Sicurezza e attività di Selinexor nei pazienti con sindromi mielodisplastiche o leucemia mieloide acuta oligoblastica refrattaria agli agenti ipometilanti


La sopravvivenza globale ( OS ) mediana dei pazienti con sindromi mielodisplastiche ad alto rischio refrattarie agli agenti ipometilanti è inferiore a 6 mesi.
Attualmente non esiste una terapia standard per questi pazienti.

Studi preclinici hanno dimostrato che l'inibizione della esportina 1 ( XPO1; proteina di esportazione nucleare 1 ) causa l'accumulo nucleare di p53 e l'interruzione della segnalazione NF-kB, entrambi bersagli rilevanti per le sindromi mielodisplastiche.

Sono state valutate la sicurezza e l'attività di Selinexor ( Xpovio ) nei pazienti con sindromi mielodisplastiche o leucemia mieloide acuta oligoblastica refrattaria agli agenti ipometilanti.

È stato condotto uno studio di fase 2 monocentrico, a braccio singolo, presso il Memorial Sloan Kettering Cancer Center ( MSKCC ) negli Stati Uniti.
Sono stati inclusi pazienti di età pari o superiore a 18 anni con sindromi mielodisplastiche ad alto rischio o leucemia mieloide acuta oligoblastica ( definita come blasti maggiori o uguali al 20% ma inferiori o uguali al 30% ) refrattari agli agenti ipometilanti e con un punteggio ECOG performance status di 0-2.

I pazienti idonei hanno ricevuto cicli di 3 settimane di Selinexor orale ( 60 mg due volte alla settimana per 2 settimane, seguite da una settimana di riposo ).

L'esito primario era il tasso di risposta globale ( ORR ).

Remissione completa, remissione parziale, remissione completa del midollo o miglioramento ematologico sono stati inclusi nelle categorie di risposta per la valutazione dell'endpoint primario.
L'analisi dell'attività ha incluso tutti i pazienti che hanno completato almeno una valutazione della malattia post-trattamento programmata. T
utti i pazienti a cui è stato somministrato Selinexor sono stati inclusi nell'analisi di sicurezza.

Nel periodo 2014-2018 sono stati arruolati nello studio 25 pazienti.

Il follow-up mediano è stato di 8.5 mesi.

Due pazienti non hanno soddisfatto i criteri di ammissibilità completi dopo la valutazione di base; pertanto, sono stati valutati 23 pazienti per l'attività.

Tra i 23 pazienti valutabili, il tasso di risposta globale è stato del 26% in 6 pazienti con remissione completa midollare, con ulteriori 12 pazienti ( 52% ) che hanno raggiunto una malattia stabile.

Gli eventi avversi di grado 3 o 4 più comuni sono stati trombocitopenia ( 8 su 25 pazienti, 32% ) e iponatremia ( 5, 20% ).
Non si sono verificati eventi avversi gravi correlati al farmaco né decessi correlati al trattamento.

In conclusione, Selinexor ha mostrato risposte nei pazienti con sindromi mielodisplastiche o leucemia mieloide acuta oligoblastica refrattaria agli agenti ipometilanti.
Gli eventi avversi sono stati gestibili con l'implementazione di cure di supporto.
Sono necessari ulteriori studi per confrontare Selinexor con la sola terapia di supporto e per identificare i sottogruppi di pazienti che potrebbero trarre il massimo beneficio dal trattamento con Selinexor. ( Xagena2020 )

Taylor J et al, Lancet Haematology 2020; 7: 566-574

Emo2020 Onco2020 Farma2020


Indietro