Janssen Oncology
Ematologia Amgen
Celgene Ematologia
GSK Ematologia

Sicurezza e attività della Lenalidomide e di Rituximab nel linfoma indolente non-trattato


I trattamenti standard per il linfoma non-Hodgkin indolente sono spesso tossici, e la maggior parte dei pazienti alla fine va incontro a recidive.

La Lenalidomide ( Revlimid ), un agente immunomodulante, è efficace in monoterapia per il linfoma non-Hodgkin indolente recidivato. Sono state valutate l'efficacia e la sicurezza di Lenalidomide e Rituximab in pazienti con linfoma non-Hodgkin indolente, non-trattato, in fase avanzata.

In uno studio di fase 2, ai pazienti con linfoma follicolare e linfoma della zona marginale è stata somministrata Lenalidomide, per via orale, al dosaggio di 20 mg/die nei giorni 1-21 di ciascun ciclo di 28 giorni.
Per i pazienti con un piccolo linfoma linfocitico, il dosaggio è iniziato al dosaggio di 10 mg/die per evitare l’aumento del tumore, con un'escalation di 5 mg/mese fino a 20 mg/die.

Rituximab ( MabThera ) è stato somministrato a 375 mg/m2 in infusione endovenosa al giorno 1 di ogni ciclo.
I pazienti che hanno risposto dopo 6 cicli hanno potuto continuare la terapia fino a un massimo di 12 cicli.

L'endpoint primario era la risposta globale, definita come la percentuale di pazienti che hanno raggiunto una risposta parziale o completa; i pazienti sono stati valutati per la risposta se avevano una valutazione tumorale post-basale.

110 pazienti con linfoma follicolare ( n=50 ), linfoma della zona marginale ( n=30 ) e piccolo linfoma linfocitico ( n=30 ) sono stati arruolati dal 2008 fino al 2011.

93 dei 103 pazienti valutabili hanno presentato una risposta globale ( 90% ).

Risposte complete si sono verificate in 65 pazienti ( 63% ) e risposte parziali in 28 pazienti ( 27% ).

Dei 46 pazienti valutabili con linfoma follicolare, 40 ( 87% ) hanno presentato una risposta completa; una risposta parziale è stata riscontrata in 5 ( 11% ) pazienti.

Dei 27 pazienti valutabili con linfoma della zona marginale, 18 ( 67% ) hanno avuto una risposta completa e 6 ( 22% ) una risposta parziale.

Dei 30 pazienti valutabili con piccolo linfoma linfocitico, 7 ( 23% ) sono andati incontro a una risposta completa e 17 ( 57% ) hanno avuto una risposta parziale.

I più comuni eventi avversi di grado 3 o 4 sono stati neutropenia ( 38 su 110 pazienti, 35% ), dolore muscolare ( 10, 9% ), rash ( 8, 7% ), tosse, dispnea o altri sintomi polmonari ( 5, 5% ), affaticamento ( 5, 5% ), trombosi ( 5, 5% ) e trombocitopenia ( 4, 4% ).

Lenalidomide e Rituximab sono risultati ben tollerati ed altamente attivi come trattamento iniziale per il linfoma non-Hodgkin indolente.
È in corso uno studio internazionale di fase 3 per confrontare questo regime con la chemioterapia nei pazienti affetti da linfoma follicolare non-trattato. ( Xagena2014 )

Fowler NH et al, Lancet 2014;15:1311-1318

Emo2014 Onco2014 Farma2014


Indietro