Passamonti Neoplasie ematologiche
Bringhen - Mieloma
Arcaini Ematologia
Janssen Oncology

Sopravvivenza con Axicabtagene ciloleucel nel linfoma a grandi cellule B


In un'analisi dell'esito primario di uno studio di fase 3, i pazienti con linfoma a grandi cellule B recidivante o refrattario precoce che hanno ricevuto Axicabtagene ciloleucel ( Axi-cel; Yescarta ), una terapia autologa con cellule T del recettore chimerico dell'antigene anti-CD19 come terapia di seconda linea, hanno presentato una sopravvivenza libera da eventi ( EFS ) significativamente più lunga rispetto a quelli che hanno ricevuto cure standard.
Sono necessari dati sugli esiti a lungo termine.

Nello studio sono stati assegnati in modo casuale pazienti con linfoma a grandi cellule B precocemente recidivato o refrattario a ricevere Axicabtagene ciloleucel o cure standard ( da due a tre cicli di chemioimmunoterapia seguiti da chemioterapia ad alte dosi con trapianto di cellule staminali autologhe nei pazienti che hanno avuto una risposta ).

L'esito primario era la sopravvivenza libera da eventi e gli esiti secondari chiave erano la risposta e la sopravvivenza globale ( OS ).

Sono stati riportati i risultati dell'analisi di sopravvivenza globale prespecificata a 5 anni dopo che il primo paziente è stato sottoposto a randomizzazione.

In totale 359 pazienti sono stati assegnati in modo random a ricevere Axicabtagene ciloleucel ( 180 pazienti ) o cure standard ( 179 pazienti ).

A un follow-up mediano di 47.2 mesi, la morte era stata segnalata in 82 pazienti nel gruppo Axicabtagene ciloleucel e in 95 pazienti nel gruppo cure standard.

La sopravvivenza globale mediana non è stata raggiunta nel gruppo Axicabtagene ciloleucel ed è stata di 31.1 mesi nel gruppo cure standard; la sopravvivenza globale stimata a 4 anni è stata rispettivamente del 54.6% e del 46.0% ( hazard ratio per la morte, HR=0.73; P=0.03 mediante test log-rank a due code stratificato ).

Questo aumento della sopravvivenza con Axicabtagene ciloleucel è stato osservato nella popolazione intent-to-treat ( ITT ), che comprendeva il 74% dei pazienti con malattia refrattaria primaria e altre caratteristiche ad alto rischio.

La sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) mediana valutata dallo sperimentatore è stata di 14.7 mesi nel gruppo Axicabtagene ciloleucel e di 3.7 mesi nel gruppo cure standard, con percentuali stimate a 4 anni rispettivamente del 41.8% e del 24.4% ( HR=0.51 ).
Non si sono verificati nuovi decessi correlati al trattamento dall'analisi primaria della sopravvivenza libera da eventi.

A un follow-up mediano di 47.2 mesi, Axicabtagene ciloleucel come trattamento di seconda linea per i pazienti con linfoma a grandi cellule B precocemente recidivato o refrattario ha determinato una sopravvivenza globale significativamente più lunga rispetto alle cure standard. ( Xagena2023 )

Westin JR et al, N Engl J Med 2023; Online ahead of print.

Emo2023 Onco2023 Med2023 Farma2023



Indietro