ELN 2018
Janssen Oncology
Roche Ematologia
Ematobase.it

Sopravvivenza globale con Daratumumab, Bortezomib, Melfalan e Prednisone nel mieloma multiplo di nuova diagnosi: studio ALCYONE


Il trattamento standard di cura per i pazienti con mieloma multiplo di nuova diagnosi comprende terapie di combinazione per pazienti che non sono ammissibili al trapianto autologo di cellule staminali.

All'analisi primaria per la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) dello studio di fase 3 ALCYONE, la sopravvivenza libera da progressione è risultata significativamente più lunga con Daratumumab ( Darzalex ) in combinazione con Bortezomib, Melfalan e Prednisone ( D-VMP ) rispetto a Bortezomib, Melfalan e Prednisone ( VMP ) in pazienti non-idonei al trapianto con mieloma multiplo di nuova diagnosi.

Sono stati riportati i risultati aggiornati di efficacia e sicurezza da un'analisi di sopravvivenza globale ( OS ) prespecificata, intermedia, di ALCYONE con oltre 36 mesi di follow-up.

ALCYONE era uno studio multicentrico, randomizzato, in aperto, con controllo attivo, di fase 3 che ha arruolato pazienti tra il 2015 e il 2016, in 162 siti in 25 Paesi in Nord America, Sud America, Europa e Regione Asia-Pacifico.

I pazienti erano eleggibili per l'inclusione se avevano un mieloma multiplo di nuova diagnosi non-idonei per la chemioterapia ad alte dosi con trapianto autologo di cellule staminali, a causa della loro età maggiore o uguale a 65 anni o a causa di comorbilità sostanziali.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere il regime D-VMP o il regime VMP.
La randomizzazione è stata stratificata per stadio della malattia secondo l’International Staging System, regione geografica ed età.
Tutti i pazienti hanno ricevuto fino a 9 cicli di 6 settimane di Bortezomib sottocutaneo ( 1.3 mg/m2 di superficie corporea nei giorni 1, 4, 8, 11, 22, 25, 29 e 32 del ciclo 1 e nei giorni 1, 8, 22 e 29 dei cicli da 2 a 9 ), Melfalan orale ( 9 mg/m2 una volta al giorno nei giorni da 1 a 4 di ciascun ciclo ) e Prednisone orale ( 60 mg/m2 una volta al giorno nei giorni da 1 a 4 di ciascun ciclo ).

I pazienti del gruppo D-VMP hanno anche ricevuto Daratumumab per via endovenosa ( 16 mg/kg di peso corporeo, una volta a settimana durante il ciclo uno, una volta ogni 3 settimane nei cicli da 2 a 9 e successivamente una volta ogni 4 settimane come terapia di mantenimento fino a progressione della malattia o a tossicità inaccettabile ).

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione, riportata in precedenza.

I risultati presentati provengono da un'analisi provvisoria prespecificata per la sopravvivenza globale.

La popolazione di analisi primaria, inclusa per la sopravvivenza globale, era la popolazione intention-to-treat di tutti i pazienti che erano stati assegnati in modo casuale al trattamento.
La popolazione di sicurezza comprendeva pazienti che avevano ricevuto qualsiasi dose di trattamento in studio.

Sono stati assegnati in modo casuale 706 pazienti ai gruppi di trattamento ( 350 al gruppo D-VMP, 356 al gruppo VMP ).

A un follow-up mediano di 40.1 mesi è stato osservato un beneficio significativo nella sopravvivenza globale per il gruppo D-VMP.

L'hazard ratio ( HR ) per la mortalità nel gruppo D-VMP rispetto al gruppo VMP è stato pari a 0.60 ( P=0.0003 ).

La stima di Kaplan-Meier del tasso di sopravvivenza globale a 36 mesi è stata del 78.0% nel gruppo D-VMP e del 67.9% nel gruppo VMP.

La sopravvivenza libera da progressione ( endpoint primario ) è rimasta significativamente migliore nel gruppo D-VMP ( HR=0.42; P minore di 0.0001 ).

Gli eventi avversi più frequenti durante la monoterapia con Daratumumab di mantenimento nei pazienti nel gruppo D-VMP sono stati: infezioni respiratorie ( 54 pazienti su 278 [ 19% ] presentavano infezioni del tratto respiratorio superiore; 42 [ 15% ] bronchite, 34 [ 12% ] infezioni virali del tratto respiratorio superiore ), tosse ( 34, 12% ) e diarrea ( 28, 10% ).

Il regime D-VMP con Daratumumab ha prolungato la sopravvivenza globale nei pazienti con mieloma multiplo di nuova diagnosi che non erano ammissibili per il trapianto di cellule staminali.
Con oltre 3 anni di follow-up, il gruppo D-VMP ha continuato a mostrare un miglioramento significativo nella sopravvivenza libera da progressione, senza nuovi problemi di sicurezza. ( Xagena2020 )

Mateos MV et al, Lancet 2020; 395: 132-141

Emo2020 Onco2020 Farma2020


Indietro