Linfoma mantellare
Janssen Oncology
Roche Ematologia
ELN 2018

Tafasitamab più Lenalidomide nel linfoma diffuso a grandi cellule B recidivante o refrattario: studio L-MIND


I pazienti con linfoma diffuso a grandi cellule B recidivante o refrattario che non sono idonei per il trapianto autologo di cellule staminali presentano esiti sfavorevoli e poche opzioni di trattamento.

Tafasitamab ( Monjuvi ) è un anticorpo monoclonale anti-CD19 umanizzato, Fc-enhanced, che ha mostrato attività preclinica come singolo agente in pazienti con neoplasie a cellule B recidivanti o refrattarie.

I dati preclinici hanno suggerito che Tafasitamab potrebbe agire sinergicamente con Lenalidomide ( Revlimid ).

Sono state valutate l'attività antitumorale e la sicurezza di Tafasitamab più Lenalidomide in pazienti con linfoma diffuso a grandi cellule B recidivante o refrattario che non erano idonei per il trapianto autologo di cellule staminali.

Nello studio multicentrico, in aperto, a braccio singolo, di fase 2 L-MIND, i pazienti di età superiore a 18 anni con linfoma diffuso a grandi cellule B confermato istologicamente sono stati reclutati da 35 ospedali universitari e di comunità in dieci Paesi.
Questi pazienti avevano avuto una recidiva o una malattia refrattaria dopo un precedente trattamento con 1-3 regimi con almeno una terapia anti-CD20, non erano candidati per la chemioterapia ad alte dosi e il successivo trapianto autologo di cellule staminali, avevano un ECOG performance status di 0-2 e presentavano una malattia misurabile al basale.

I pazienti hanno ricevuto Tafasitamab per via endovenosa ( 12 mg/kg ) e Lenalidomide orale ( 25 mg/die ) somministrati contemporaneamente per un massimo di 12 cicli ( 28 giorni ciascuno ), seguiti da Tafasitamab in monoterapia, in pazienti con malattia stabile o migliore, fino a progressione della malattia.

L'endpoint primario era la proporzione di pazienti con una risposta oggettiva ( ORR ) definita come risposta completa o parziale secondo i criteri di risposta dell'International Working Group 2007 per il linfoma maligno.

Le analisi dell'attività antitumorale si sono basate su tutti i pazienti che hanno ricevuto almeno una dose sia di Tafasitamab che di Lenalidomide; le analisi di sicurezza si sono basate su tutti i pazienti che hanno ricevuto almeno una dose dei farmaci in studio.

Nel periodo 2016-2017, 156 pazienti sono stati sottoposti a screening: 81 sono stati arruolati e hanno ricevuto almeno una dose dei farmaci in studio e 80 hanno ricevuto almeno una dose sia di Tafasitamab che di Lenalidomide.

Il follow-up mediano è stato di 13.2 mesi al cutoff dei dati nel novembre 2018.
In tutto 48 pazienti su 80 ( 60% ) che hanno ricevuto Tafasitamab più Lenalidomide hanno presentato una risposta oggettiva: 34 ( 43% ) hanno avuto una risposta completa e 14 ( 18% ) hanno avuto una risposta parziale.

Gli eventi avversi di grado 3 o superiore emergenti dal trattamento più comuni sono stati neutropenia ( 39 su 81 pazienti, 48% ), trombocitopenia ( 14, 17% ) e neutropenia febbrile ( 10, 12% ).

Eventi avversi gravi si sono verificati in 41 pazienti su 81 ( 51% ). Gli eventi avversi gravi riportati più frequentemente in 2 o più pazienti sono stati polmonite ( 5, 6% ), neutropenia febbrile ( 5, 6% ), embolia polmonare ( 3, 4% ), bronchite ( 2, 2% ), fibrillazione atriale ( 2, 2% ) e insufficienza cardiaca congestizia ( 2, 2% ).

Tafasitamab in combinazione con Lenalidomide è risultato ben tollerato e ha determinato un'elevata percentuale di pazienti con linfoma diffuso a grandi cellule B recidivante o refrattario, non-idoneo al trapianto autologo di cellule staminali, con una risposta completa; potrebbe rappresentare una nuova opzione terapeutica in questo contesto. ( Xagena2020 )

Salles G et al, Lancet Oncology 2020; 21: 978-988

Emo2020 Onco2020 Farma2020


Indietro