Bringhen - Mieloma
Arcaini Ematologia
Passamonti Neoplasie ematologiche
GSK Ematologia

Tecartus per la leucemia linfoblastica acuta a cellule B recidivante o refrattaria dell'adulto: risultati di fase 2 dello studio ZUMA-3


Nonostante il trattamento con nuove terapie e il consolidamento del trapianto allogenico di cellule staminali ( allo-SCT ), gli esiti nei pazienti adulti con leucemia linfoblastica acuta da precursori delle cellule B recidivante o refrattaria rimangono sfavorevoli, sottolineando la necessità di terapie più efficaci.

Sono stati riportati i risultati chiave di fase 2 di ZUMA-3, uno studio internazionale, multicentrico, a braccio singolo, in aperto che ha valutato l'efficacia e la sicurezza della terapia con cellule T autologhe Tecartus ( KTE-X19 ) esprimenti un recettore chimerico dell'antigene ( CAR ) anti-CD19 in pazienti adulti con leucemia linfoblastica acuta da precursori delle cellule B recidivante o refrattaria.

I pazienti sono stati arruolati in 25 Centri negli Stati Uniti, in Canada e in Europa. I pazienti eleggibili erano di età pari o superiore a 18 anni, con ECOG performance status di 0-1 e malattia morfologica nel midollo osseo ( 5% o più di blasti ).
Dopo la leucaferesi e la chemioterapia di condizionamento, i pazienti hanno ricevuto una singola infusione di Tecartus ( 1 x 106 cellule T CAR per kg di peso corporeo ).

L'endpoint primario era il tasso di remissione completa complessiva o remissione completa con recupero ematologico incompleto.
La durata della remissione e della sopravvivenza libera da recidiva, la sopravvivenza globale, il tasso di negatività della malattia minima residua ( MRD ) e il tasso di allo-SCT sono stati valutati come endpoint secondari.
Le analisi di efficacia e sicurezza sono state effettuate nella popolazione trattata ( tutti i pazienti che hanno ricevuto una dose di Tecartus ).

Tra il 2018 e il 2019, 71 pazienti sono stati arruolati e sottoposti a leucaferesi. Tecartus è stato prodotto con successo per 65 pazienti ( 92% ) e somministrato a 55 ( 77% ). L'età media dei pazienti trattati era di 40 anni.

Al follow-up mediano di 16.4 mesi, 39 pazienti ( 71%; P minore di 0.0001 ) hanno presentato una remissione completa o una remissione completa con recupero ematologico incompleto, con 31 pazienti ( 56% ) che hanno raggiunto la remissione completa.

La durata mediana della remissione è stata di 12.8 mesi, la sopravvivenza mediana libera da recidiva è stata di 11.6 mesi e la sopravvivenza globale mediana è stata di 18.2 mesi.

Tra i responder, la sopravvivenza globale mediana non è stata raggiunta e 38 ( 97% ) pazienti avevano malattia MRD negativa.
10 pazienti ( 18% ) hanno ricevuto un consolidamento allo-SCT dopo l'infusione di Tecartus.
Gli eventi avversi più comuni di grado 3 o superiore sono stati: anemia ( 27 pazienti, 49% ) e piressia ( 20 pazienti, 36% ).

In tutto 14 pazienti ( 25% ) hanno presentato infezioni di grado 3 o superiore. Si sono verificati due eventi correlati a Tecartus di grado 5 ( ernia cerebrale e shock settico ).
La sindrome da rilascio di citochine di grado 3 o superiore si è verificata in 13 pazienti ( 24% ) ed eventi neurologici di grado 3 o superiore in 14 pazienti ( 25% ).

Tecartus ha mostrato un alto tasso di remissione completa o remissione completa con recupero ematologico incompleto nei pazienti adulti con leucemia linfoblastica acuta da precursori delle cellule B recidivante o refrattaria, con la sopravvivenza globale mediana non-raggiunta nei pazienti responder e un profilo di sicurezza gestibile.
Questi risultati indicano che Tecartus ha il potenziale per conferire benefici clinici a lungo termine a questi pazienti. ( Xagena2021 )

Shah BD et al, Lancet 2021; 398: 491-502

Emo2021 Onco2021 Med2021 Farma2021


Indietro