ELN 2018
Ematobase.it
Xagena Mappa
Medical Meeting

Terapia di mantenimento a base di Lenalidomide riduce TNFR2 sulle cellule T CD4+ e migliora la funzione effettrice immunitaria nei pazienti affetti da leucemia mieloide acuta


Un limite importante al miglioramento degli esiti nella leucemia mieloide acuta è rappresentato dalla recidiva che è il risultato delle cellule leucemiche che persistono nella remissione clinica.
Le cellule T regolatorie ( Treg ), il cui numero è aumentato nei pazienti con leucemia mieloide acuta, possono contribuire alla evasione della risposta immunitaria da parte delle cellule leucemiche residue.

Il fattore di necrosi tumorale ( TNF ), una citochina pro-infiammatoria presente ad alti livelli nei pazienti, può indurre l’espressione del recettore TNF di tipo 2 ( TNFR2 ) sulle Treg.
Si è ipotizzato che poiché TNFR2 è necessario per la stabilizzazione delle Treg, e che le Treg TNFR2+ sono potenti soppressori, un intervento mirato diretto a Treg TNFR2+ può ripristinare l'efficacia dei meccanismi di immuno-sorveglianza.

Nello studio pilota, i ricercatori hanno riportato che i pazienti con leucemia mieloide acuta in remissione clinica presentano livelli notevolmente aumentati di cellule T TNFR2+, compreso Treg TNFR2+, e una compromessa funzione effettrice delle cellule T CD4+ con ridotta produzione di interleuchina-2 ( IL-2 ) e interferone-gamma ( IFN-gamma ).

Il farmaco immunomodulatore, Lenalidomide ( Revlimid ), e l'agente demetilante Azacitidina ( Vidaza ) hanno avuto un discreto successo nel trattamento di pazienti con leucemia mieloide acuta, ma i loro effetti combinati sulle cellule T TNFR2+, comprese Treg, sono attualmente sconosciuti.

Dallo studio è emerso che, anche se il trattamento con Lenalidomide e Azacitidina ha aumentato la produzione di citochine da parte delle cellule T effettrici in tutti i pazienti, le remissioni cliniche durevoli possono essere osservate in pazienti con una concomitante riduzione delle cellule T TNFR2+ e Treg TNFR2+.

Studi in vitro hanno inoltre dimostrato che la Lenalidomide può ridurre l'espressione di TNFR2 e può aumentare la produzione di citochine da parte delle cellule T effettrici, che può essere ulteriormente migliorata dalla Azacitidina.

Questi risultati indicano che la riduzione delle cellule T TNFR2+ nella leucemia mieloide acuta in fase post-remissione possa derivare da una terapia combinata con Azacitidina e Lenalidomide, e possa contribuire a un miglior esito clinico. ( Xagena2014 )

Govindaraj C et al, Am J Hematol 2014;89:795-802

Emo2014 Onco2014 Farma2014


Indietro