ELN 2018
Ematobase.it
Xagena Mappa
Medical Meeting

Terapia guidata dalla tomografia ad emissione di positroni per i linfomi non-Hodgkin aggressivi: studio PETAL


La tomografia ad emissione di positroni ( PET ) con tracciante 18F-fluorodesossiglucosio, può predire gli esiti nei pazienti con linfomi non-Hodgkin aggressivi.
Uno studio ha valutato se la PET sia in grado di guidare la terapia nei pazienti trattati con Ciclofosfamide, Doxorubicina, Vincristina e Prednisone ( CHOP ).

I pazienti con nuova diagnosi hanno ricevuto due cicli di CHOP più Rituximab ( R-CHOP ) nei linfomi CD20-positivi, seguiti da una PET che è stata valutata utilizzando il metodo Delta-SUV-max.
I pazienti positivi alla PET sono stati assegnati in modo casuale a ricevere 6 cicli aggiuntivi di R-CHOP o 6 blocchi di un protocollo intensivo per il linfoma di Burkitt.

I pazienti PET-negativi con linfoma CD20-positivo sono stati assegnati in modo casuale a ricevere 4 ulteriori cicli di R-CHOP o lo stesso trattamento con 2 dosi aggiuntive di Rituximab.

L'endpoint primario era il tempo di sopravvivenza senza eventi.

La PET provvisoria era positiva in 108 pazienti ( 12.5% ) e negativa in 754 ( 87.5% ) su 862 pazienti trattati, con differenze statisticamente significative nella sopravvivenza libera da eventi e nella sopravvivenza globale.

Tra i pazienti positivi alla PET, 52 sono stati assegnati in modo casuale a R-CHOP e 56 al protocollo di Burkitt, con tassi di sopravvivenza senza eventi a 2 anni del 42.0% e del 31.6%, rispettivamente ( hazard ratio, HR=1.501, P=0.1229 ).

Il protocollo di Burkitt ha prodotto significativamente più tossicità.

Dei 754 pazienti PET-negativi, 255 sono stati sottoposti a randomizzazione ( 129 a R-CHOP e 126 a R-CHOP con Rituximab aggiuntivo ).
I tassi di sopravvivenza libera da eventi sono stati del 76.4% e del 73.5%, rispettivamente ( HR=1.048; P=0.8305 ).

La previsione degli esiti mediante PET è risultata indipendente dall'Indice prognostico internazionale.
Gli esiti nel linfoma diffuso a grandi cellule B sono stati simili a quelli del gruppo totale.

In conclusione, dai dati ad interim, è emerso che la PER è stata in grado di predire la sopravvivenza nei pazienti con linfomi aggressivi trattati con R-CHOP.
L'intensificazione del trattamento a base di PET non ha migliorato l'esito. ( Xagena2018 )

Dührsen U et al, J Clin Oncol 2018; 36: 2024-2034

Onco2018 Emo2018 Farma2018


Indietro