Arcaini Ematologia
Bringhen - Mieloma
Passamonti Neoplasie ematologiche
Passamonti: Macroglobulinemia di Waldenstrom

Tollerabilità ed efficacia dell'anticorpo anti-CD47 Magrolimab combinato con Azacitidina nei pazienti con leucemia mieloide acuta precedentemente non-trattata


Magrolimab è un anticorpo monoclonale umanizzato di prima classe contro il cluster di differenziazione 47 ( anti-CD47 ), un segnale antifagocitico utilizzato dalle cellule tumorali per eludere la fagocitosi.
L’Azacitidina sovraregola i segnali profagocitici sulle cellule di leucemia mieloide acuta, aumentando ulteriormente la fagocitosi quando combinata con Magrolimab.

Sono stati riportati i dati finali di fase Ib per Magrolimab con Azacitidina nei pazienti con leucemia mieloide acuta non-trattata non-idonei alla chemioterapia intensiva.

I pazienti con leucemia mieloide acuta precedentemente non-trattata, inclusa la leucemia mieloide acuta con mutazione TP53, hanno ricevuto Magrolimab per via endovenosa come dose iniziale ( 1 mg/kg, giorni 1 e 4 ), seguita da 15 mg/kg una volta al giorno 8 e 30 mg/kg una volta a settimana o ogni 2 settimane come mantenimento.

Azacitidina 75 mg/m2 è stata somministrata per via endovenosa / sottocutanea una volta al giorno nei giorni 1-7 di ciascun ciclo di 28 giorni.

Gli endpoint primari erano sicurezza / tollerabilità e proporzione con remissione completa.

Sono stati arruolati e trattati 87 pazienti; 72 ( 82.8% ) avevano mutazioni TP53 con una frequenza allelica variante mediana del 61%.
57 dei pazienti con mutazione TP53 ( 79.2% ) presentavano citogenetica a rischio avverso secondo lo studio European LeukemiaNet 2017.
I pazienti hanno ricevuto una media di 4 cicli di trattamento.
Gli eventi avversi più comuni emersi dal trattamento includevano costipazione ( 49.4% ), nausea ( 49.4% ) e diarrea ( 48.3% ).

In tutto 30 pazienti ( 34.5% ) hanno manifestato anemia e la variazione mediana dell’emoglobina dal basale alla prima valutazione post-dose è stata di -0.9 g/dl.
28 pazienti ( 32.2% ) hanno raggiunto la remissione completa, inclusi 23 pazienti ( 31.9% ) con mutazioni TP53.

La sopravvivenza globale mediana nei pazienti con mutazione TP53 e wild-type è stata rispettivamente di 9.8 mesi e 18.9 mesi.

Magrolimab con Azacitidina è risultato relativamente ben tollerato con un'efficacia promettente nei pazienti con leucemia mieloide acuta non-idonei alla chemioterapia di induzione intensiva, compresi quelli con mutazioni di TP53, giustificando un'ulteriore valutazione di Magrolimab con Azacitidina nella leucemia mieloide acuta.

Gli studi randomizzati di fase III ENHANCE-2 ed ENHANCE-3 stanno reclutando pazienti in prima linea affetti da leucemia mieloide acuta. ( Xagena2023 )

Daver NG et al, J Clin Oncol 2023; 41: 4893-4904

Emo2023 Onco2023 Farma2023



Indietro