ELN 2018
Ematobase.it
Xagena Mappa
Medical Meeting

Trapianto autologo di cellule staminali con cellule progenitrici selezionate in vivo mostra efficacia a lungo termine nel linfoma follicolare recidivato / refrattario


La chemioterapia ad alte dosi con trapianto autologo di cellule staminali ( ASCT ) è stata dimostrata efficace nel controllo del linfoma follicolare recidivato / refrattario.
Sono stati valutati i risultati a lungo termine dei pazienti con linfoma follicolare recidivato o refrattario sottoposti a trapianto autologo di cellule staminali con cellule progenitrici purged ( selezionate ) in vivo.

Sono stati riportati i risultati a lungo termine di uno studio multicentrico di fase 2, prospettico, su 124 pazienti affetti da linfoma follicolare recidivante / refrattario trattati con un programma a base di chemioterapia debulking con Antraciclina, immunochemioterapia, mobilizzazione in vivo di cellule staminali di sangue periferico purged ( purgato ) seguito da trapianto di cellule staminali ematopoitiche.
L'età media era di 52 anni e il 14% dei pazienti aveva istologia di grado 3A.

La chemioterapia debulking ha prodotto risposta completa nel 16% e risposta parziale nel 71%, mentre il 13% dei pazienti è andato incontro a progressione.

Dopo Rituximab, Ciclofosfamide, Vincristina, Prednisone ( R-COP ), la risposta completa è stata ottenuta nel 60% e nel 35% della risposta parziale; 118 pazienti hanno mobilizzato con successo le cellule staminali del sangue periferico, e 117 sono state sottoposte a trapianto di cellule staminali emopoietiche.

La raccolta cellulare in tutti e 32 i pazienti con noto profilo molecolare, era bcl-2 negativa.

La mortalità correlata al trattamento è stata dello 0%.

La sopravvivenza libera da progressione a 5-anni è stata del 54% e la sopravvivenza globale a 5 anni è stata dell’83%.

Dopo una mediana di follow-up di 6.7 anni ( range 1.5-13.6 ), il 54% era ancora in risposta completa.

Questi dati dimostrano che una prolungata sopravvivenza libera da progressione è realizzabile in pazienti refrattari o recidivanti sottoposti a trapianto autologo ad alte dosi di cellule progenitrici purged in vivo. (  Xagena2015  )

Arcaini L et al, Am J Hematol 2015;90:230-234

Emo2015



Indietro