Bringhen - Mieloma
Passamonti Neoplasie ematologiche
Arcaini Ematologia
Ematologia Amgen

Trapianto di prima linea con la combinazione Lenalidomide, Bortezomib, Desametasone come induzione e consolidamento seguiti da mantenimento con Lenalidomide in pazienti con mieloma multiplo


La combinazione di tre farmaci Lenalidomide, Bortezomib e Desametasone ( RVD ) ha dimostrato una significativa efficacia nel mieloma multiplo.
L’Intergroupe Francophone du Myélome ( IFM ) ha deciso di valutare terapie di induzione e consolidamento a base di Lenalidomide ( Revlimid ), Bortezomib ( Velcade ) e Desametasone ( Decadron ) in una strategia intensiva per i pazienti con mieloma multiplo ammissibili al trapianto non precedentemente trattati.

In questo studio di fase II, 31 pazienti sintomatici di età inferiore a 65 anni sono stati arruolati a ricevere tre cicli di induzione con Lenalidomide, Bortezomib e Desametasone seguiti da raccolta e trapianto con Ciclofosfamide.
I pazienti hanno ricevuto successivamente due cicli di consolidamento con Lenalidomide, Bortezomib e Desametasone e 1 anno di mantenimento con Lenalidomide.

Il tasso di risposta parziale molto buona o migliore al termine di induzione, trapianto e terapia di consolidamento è stato, rispettivamente, del 58%, 70% e 87%.
Il mantenimento ha migliorato le risposte nel 27% dei pazienti.
Nel complesso, il 58% dei pazienti ha raggiunto risposta completa, e il 68% era negativo per la malattia minima residua ( MRD ) mediante citometria di flusso.

Le tossicità più comuni con Lenalidomide, Bortezomib e Desametasone sono state neurologiche ed ematologiche, includendo neuropatia sensoriale di grado da 1 a 2 ( 55% ), neutropenia di grado da 3 a 4 ( 35% ) e trombocitopenia ( 13% ).
Sono stati osservati due carcinomi a cellule basali nello stesso paziente e un caso di tumore al seno.
Non si è verificata mortalità correlata al trattamento.

Con un follow-up medio di 39 mesi, la sopravvivenza stimata a 3 anni libera da progressione e la sopravvivenza globale sono state, rispettivamente, del 77% e 100%.

Nessuno dei pazienti che hanno raggiunto negatività per malattia minima residua è andato incontro a recidive.

In conclusione, il programma di trapianto con induzione e consolidamento con Lenalidomide, Bortezomib e Desametasone seguito da mantenimento con Lenalidomide ha prodotto risposte di alta qualità e ha mostrato una favorevole tollerabilità nei pazienti con nuova diagnosi di mieloma multiplo.
Nel complesso, il 68% dei pazienti ha raggiunto negatività per malattia minima residua; nessuno di questi pazienti ha recidivato.
Questo programma è in corso di valutazione nello studio di fase III IFM / Dana-Farber Cancer Institute 2009. ( Xagena2014 )

Roussel M et al, J Clin Oncol 2014;32:2712-2717

Emo2014 Onco2014 Farma2014


Indietro