Bringhen - Mieloma
Arcaini Ematologia
Passamonti Neoplasie ematologiche
Ematologia Amgen

Trattamento de novo del linfoma diffuso a grandi cellule B con Rituximab, Ciclofosfamide, Vincristina, Gemcitabina e Prednisone nei pazienti con comorbilità cardiaca


Il trattamento di pazienti con linfoma diffuso a grandi cellule B con comorbilità cardiache è problematico, poiché questo gruppo potrebbe non essere in grado di ricevere chemioimmunoterapia contenente antraciclina.

È stato disegnato uno studio a singolo braccio, di fase II e multicentrico, con Rituximab, Gemcitabina, Ciclofosfamide, Vincristina e Prednisolone ( R-GCVP ) nei pazienti considerati non-idonei alla chemioimmunoterapia con antraciclina a causa di comorbilità cardiaca.

In totale, 61 dei 62 pazienti ha ricevuto il trattamento R-GCVP, somministrato il giorno 1 e con Gemcitabina ripetuta nel giorno 8 di un ciclo di 21 giorni.

L’età mediana era di 76.5 anni.

Tutti i pazienti avevano malattia in fase avanzata; 27 ( 43.5% ) avevano una frazione di eiezione ventricolare sinistra uguale o inferiore al 50% e 35 ( 56.5% ) una frazione di eiezione borderline superiore al 50% ma uguale o inferiore a 55% e fattori di rischio cardiaco in comorbilità come cardiopatia ischemica, diabete mellito o ipertensione.

L’end point primario era il tasso di risposta generale al termine del trattamento.

Nello studio, 38 pazienti ( 61.3% ) ha raggiunto una risposta della malattia ( risposta completa, n=18; risposta completa non-documentata / non-confermata, n=6; risposta parziale, n=14 ).

La sopravvivenza libera da progressione a 2 anni per tutti i pazienti è stata del 49.8% e la sopravvivenza generale a 2 anni è stata del 55.8%.

Tossicità ematologiche di grado uguale o superiore a 3 si sono presentate in 34 pazienti.

Sono stati osservati 15 eventi cardiaci, 7 dei quali erano di grado da 1 a 2, 5 di grado da 3 a 4, e 3 ad esito fatale, e riflettevano lo scarso status cardiaco della popolazione coinvolta nello studio.

In conclusione, questo studio multicentrico di fase II ha mostrato che il trattamento R-GCVP è una terapia attiva e ragionevolmente ben tollerata per pazienti con linfoma diffuso a grandi cellule B per i quali l’immunochemioterapia a base di antracicline era stata considerata non-adatta a causa di una cardiopatia preesistente. ( Xagena )

Fields PA et al, J Clin Oncol 2014; 32: 282-287

Emo2014 Onco2014 Farma2014


Indietro