ELN 2018
Ematobase.it
Xagena Mappa
Medical Meeting

Trattamento post-remissione con trapianto di cellule staminali allogeniche nei pazienti di 60 anni e oltre con leucemia mieloide acuta


La leucemia mieloide acuta colpisce soprattutto le persone anziane, con una età media alla diagnosi di circa 70 anni.
Anche se circa il 50-60% dei pazienti entra nella prima remissione completa con chemioterapia di induzione intensiva, la ricaduta rimane alta e i risultati complessivi sono deludenti.
Pertanto, è urgente una terapia post-remissione efficace.

Anche se spesso nessuna terapia post-remissione viene somministrata ai pazienti anziani, questa potrebbe includere la chemioterapia o il trapianto allogenico di cellule staminali emopoietiche ( HSCT ) successiva al condizionamento di ridotta intensità.

Uno studio ha valutato il valore comparativo del trapianto allogenico con altri approcci, tra cui nessuna terapia post-remissione, nei pazienti con leucemia mieloide acuta di età a partire da 60 anni.

Per l’analisi in funzione del tempo sono stati utilizzati i risultati di quattro studi successivi prospettici HOVON-SAKK sulla leucemia mieloide acuta.
Tra il 2001 e il 2010, in totale 1.155 pazienti di età a partire da 60 anni sono stati arruolati in questi studi, dei quali 640 hanno ottenuto una prima remissione completa dopo la chemioterapia di induzione e sono stati inclusi nell'analisi.

La terapia post-remissione consisteva di trapianto HSCT allogenico in seguito a condizionamento a ridotta intensità ( n=97 ), Gemtuzumab ozogamicina ( Mylotarg ) ( n=110 ), chemioterapia ( n=44 ), trapianto autologo ( n=23 ), o nessun ulteriore trattamento ( n=366 ).
I regimi di condizionamento a ridotta intensità consistevano di Fludarabina [ Fludara ] combinata con 2 Gy di irradiazione corporea totale ( n=71 ), Fludarabina con Busulfan [ Busilvex ] ( n=10 ), o altri regimi ( n=16 ).

L'endpoint primario dello studio era la sopravvivenza globale a 5 anni per tutti i gruppi di trattamento.

La sopravvivenza globale a 5 anni è stata del 35% per i pazienti che hanno ricevuto un trapianto allogenico, 21% per coloro che non hanno ricevuto alcuna terapia post-remissione supplementare, e 26% per i pazienti che hanno ricevuto chemioterapia supplementare oppure trapianto HSCT autologo.

La sopravvivenza globale a 5 anni è stata fortemente influenzata dal punteggio di rischio per la leucemia mieloide acuta secondo le raccomandazioni ELN ( European LeucemiaNET ), con i pazienti nel gruppo a rischio favorevole ( n=65 ) con migliore sopravvivenza globale a 5 anni ( 56% ) rispetto a quelli con leucemia mieloide acuta a rischio intermedio ( n=131; 23% ) o a rischio negativo ( n=444; 13% ).

L'analisi multivariata con il trapianto HSCT allogenico come variabile dipendente dal tempo ha dimostrato che il trapianto allogenico di cellule staminali è risultato associato a una migliore sopravvivenza globale a 5 anni ( hazard ratio, HR=0.71, P=0.017 ) rispetto alle terapie post-remissione non-trapianto HSCT allogenico o a nessuna terapia post-remissione, specialmente in pazienti con leucemia mieloide acuta a rischio intermedio ( 0.82 ) o rischio negativo ( 0.39 ).

Nel loro insieme, i risultati di questi quattro studi hanno indicato che il trapianto allogenico di cellule staminali potrebbe essere l'approccio di trattamento preferito nei pazienti di 60 anni di età o più anziani con leucemia mieloide acuta a rischio intermedio e a rischio sfavorevole in prima remissione completa. ( Xagena2015 )

Versluis J et al, Lancet 2015; 2: e427-e436

Emo2015 Onco2015 Farma2015


Indietro