GSK Ematologia
Celgene Ematologia
Janssen Oncology
Ematologia Amgen

Umbralisib, un doppio inibitore PI3K-delta / CK1-epsilon nei pazienti con linfoma indolente recidivante o refrattario


Gli inibitori della fosfatidilinositolo-3-chinasi ( PI3K ) hanno mostrato attività nel linfoma non-Hodgkin ( iNHL ) indolente recidivante o refrattario ( R/R ).
Gli inibitori di PI3K presentano scarsa tollerabilità e alta tossicità a lungo termine, che limitano l'uso continuo.

Umbralisib ( Ukoniq ), un doppio inibitore di PI3K-delta / CK1-epsilon ( caseina chinasi-1-epsilon ), ha mostrato una migliore selettività per PI3K-delta rispetto ad altri inibitori di PI3K.

Uno studio di fase IIb è stato progettato per valutare l'efficacia e la sicurezza di Umbralisib nei pazienti con linfoma non-Hodgkin indolente recidivante o refrattario.

Nello studio multicoorte, in aperto, di fase IIb, a 208 pazienti con linfoma della zona marginale R/R, linfoma follicolare o linfoma a piccoli linfociti ( MZL, FL o SLL ) che non rispondevano ai trattamenti precedenti ( maggiori o uguali a 1 per MZL; maggiori o uguali a 2 per FL/SLL ), inclusa una terapia o più a base di anti-CD20, è stato somministrato Umbralisib 800 mg per via orale una volta al giorno fino a progressione della malattia, tossicità inaccettabile o sospensione dello studio.

L'endpoint primario era il tasso di risposta globale; gli endpoint secondari includevano il tempo alla risposta, la durata della risposta, la sopravvivenza libera da progressione e la sicurezza.

Il follow-up mediano è stato di 27.7 mesi per l’efficacia e 21.4 mesi per la sicurezza.

Il tasso di risposta globale ( ORR ) è stato del 47.1% e la riduzione del tumore si è verificata nell'86.4% dei pazienti.

Il tempo medio di risposta ( DoR ) è stato di 2.7-4.6 mesi. La durata mediana della risposta non è stata raggiunta per il linfoma della zona marginale, 11.1 mesi per il linfoma follicolare e 18.3 mesi per il linfoma a piccoli linfociti.

La sopravvivenza mediana libera da progressione non è stata raggiunta per il linfoma della zona marginale, 10.6 mesi per linfoma follicolare e 20.9 mesi per linfoma a piccoli linfociti.
Almeno un evento avverso emergente dal trattamento ( TEAE ) di grado 3 o superiore è stato riportato nel 53.4% dei pazienti.
Gli eventi TEAE hanno portato all'interruzione di Umbralisib in 32 pazienti ( 15.4% ).

In totale 31 pazienti ( 14.9% ) hanno interrotto a causa di un evento avverso correlato al trattamento.
Sono stati riportati eventi TEAE di grado 3 o superiore nel 10% o più dei pazienti: neutropenia ( 11.5% ) e diarrea ( 10.1% ).
Un aumento di ALT [ alanina amminotransferasi ] / AST [ aspartato aminotransferasi ]( grado 3 o superiore ) si è verificato nel 6.7% / 7.2% dei pazienti.

Umbralisib ha raggiunto un'attività clinica significativa nei pazienti pesantemente pretrattati con linfoma non-Hodgkin indolente.
Il profilo di sicurezza è stato gestibile, con un'incidenza relativamente bassa di tossicità immuno-mediate e interruzioni correlate a eventi avversi. ( Xagena2021 )

Fowler NH et al, J Clin Oncol 2021; 39: 1609-1618

Emo2021 Onco2021 Farma2021


Indietro