ELN 2018
Ematobase.it
Xagena Mappa
Medical Meeting

Valutazione dei secondi tumori solidi dopo trapianto di cellule staminali ematopoietiche


L’incidenza e i fattori di rischio dei secondi tumori solidi ( SSC ) che si verificano dopo trapianto di cellule staminali ematopoietiche ( HSCT ) sono ben documentati.
Tuttavia, i dati sull'esito clinico dei pazienti che hanno sviluppato un secondo tumore solido dopo trapianto HSCT sono limitati.

È stato valutato l'esito di pazienti con secondo tumore solido che si è verificato dopo trapianto HSCT dal momento della diagnosi di secondo tumore solido in uno studio di coorte che ha utilizzato i dati di 4.065 pazienti provenienti da 26 Paesi registrati presso la European Society for Blood and Marrow Transplantation, che ha mantenuto i dati clinici dal 1977 dei pazienti che hanno ricevuto un trapianto.
Sono state estratte le informazioni di tutti i pazienti sottoposti a trapianto in Europa e con una diagnosi di secondo tumore solido tra il 2000 e il 2014.
La coorte includeva pazienti con 18 diversi tipi di tumore.

Per ciascuno dei 18 tipi di secondo tumore solido sono state calcolate la sopravvivenza globale ( OS ) mediana e a 5 anni e le cause di morte.

In totale, 220.617 pazienti sono stati sottoposti a trapianto, di cui solo 4.065 ( 1.8% ) con un secondo tumore solido dopo trapianto HSCT sono stati inclusi nello studio.
Tra i 4.065 pazienti, 2.321 ( 57.1% ) erano uomini e 1.744 ( 42.9% ) erano donne, con un'età media di 59.1 anni alla diagnosi di secondo tumore solido.

La sopravvivenza globale a 5 anni è stata del 47%.

Il tasso di sopravvivenza globale a 5 anni dopo la diagnosi di secondo tumore solido era scarso per tumori pancreatici, polmonari, epatobiliari, esofagei, cerebrali e gastrici, con una sopravvivenza mediana tra 0.6 e 1 anno.

La sopravvivenza globale a 5 anni era intermedia per tumore endometriale, colorettale, sarcomatoso, ovarico, vescicale, orofaringeo e renale, con una sopravvivenza mediana tra 2 e 10 anni.

La sopravvivenza globale a 5 anni era più favorevole per melanoma, tumore della mammella, della prostata, della cervice e della tiroide, con una sopravvivenza mediana di 10 o più anni.

Ulteriori fattori associati al trapianto per la mortalità nei pazienti trattati con trapianto HSCT allogenico sono stati: l'età al trapianto, il tipo di donatore, il regime di condizionamento e la malattia del trapianto contro l'ospite.

In totale, sono morti 1.777 pazienti ( 43.7% ), di cui 1.256 ( 74.8% ) per secondo tumore solido, 344 ( 20.5% ) per malattia primaria e 79 ( 4.7% ) per altre cause.

Il tasso di mortalità standardizzato era più elevato, rispetto ai tumori solidi de novo, per melanoma, tumore della prostata, della mammella, dei reni, della vescica, del colon-retto e dell'endometrio, ma non per gli altri tumori.

L'esito di secondo tumore solido dipende principalmente dal tipo di secondo tumore; pertanto, studi futuri dovrebbero studiare le ragioni per cui il tasso di mortalità standardizzato è più elevato per alcuni tumori, per capire se i pazienti con questi tumori debbano essere trattati in modo diverso. ( Xagena2019 )

Tichelli A et al, JAMA Oncol 2019; 5: 229-235

Emo2019 Onco2019



Indietro