GSK Ematologia
Celgene Ematologia
Ematologia Amgen
Janssen Oncology

Venetoclax o placebo in combinazione con Bortezomib e Desametasone nei pazienti con mieloma multiplo recidivante o refrattario: studio BELLINI


Venetoclax ( Venclyxto ) è un potente inibitore orale BCL-2 altamente selettivo, che induce l'apoptosi nelle cellule di mieloma multiplo.
Venetoclax più Bortezomib e Desametasone ha dimostrato un'efficacia clinica incoraggiante con sicurezza e tollerabilità accettabili in uno studio di fase 1.
È stato valutato Venetoclax più Bortezomib e Desametasone nei pazienti con mieloma multiplo recidivante o refrattario.

In questo studio di fase 3 randomizzato, in doppio cieco, multicentrico, pazienti di età pari o superiore a 18 anni con mieloma multiplo recidivante o refrattario, un ECOG performance status pari o inferiore a 2, che avevano ricevuto da una a tre terapie precedenti, sono stati arruolati da 90 ospedali in 16 Paesi.

I pazienti idonei sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Venetoclax 800 mg al giorno per via orale oppure placebo con Bortezomib 1.3 mg/m2 per via sottocutanea o endovenosa e Desametasone 20 mg per via orale.

Il trattamento è stato somministrato in cicli di 21 giorni per i primi 8 cicli e in cicli di 35 giorni dal nono ciclo fino a progressione della malattia, tossicità inaccettabile o ritiro del paziente.
La randomizzazione è stata stratificata in base alla precedente esposizione a un inibitore del proteasoma e al numero di terapie precedenti.

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione valutata dal Comitato di revisione indipendente nella popolazione intent-to-treat.
Le analisi di sicurezza sono state effettuate in pazienti che hanno ricevuto almeno una dose del farmaco in studio.

Tra luglio 2016 e ottobre 2017, 291 pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Venetoclax ( n=194 ) o placebo ( n=97 ).
Con un follow-up mediano di 18.7 mesi, la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) mediana secondo il Comitato di revisione indipendente è stata di 22.4 mesi con Venetoclax rispetto a 11.5 mesi con placebo ( hazard ratio, HR=0.63; P=0.010 ).

Gli eventi avversi più comuni di grado 3 o peggiore emersi dal trattamento sono stati neutropenia ( 35 su 193 pazienti, 18%, nel gruppo Venetoclax versus 7 su 96 pazienti, 7%, nel gruppo placebo ), polmonite ( 30, 16%, vs 9, 9% ), trombocitopenia ( 28, 15%, vs 29, 30% ), anemia ( 28, 15%, vs 14, 15% ) e diarrea ( 28, 15%, vs 11, 11% ).

Eventi avversi gravi emergenti dal trattamento si sono verificati in 93 pazienti ( 48% ) nel gruppo Venetoclax e 48 pazienti ( 50% ) nel gruppo placebo, con 8 ( 4% ) infezioni fatali emergenti dal trattamento segnalate nel gruppo Venetoclax e nessuna nel gruppo placebo.

In tutto 3 decessi nel gruppo Venetoclax ( 2 per polmonite e 1 per shock settico ) sono stati considerati correlati al trattamento; nessun decesso nel gruppo placebo è risultato correlato al trattamento.

L'endpoint primario è stato raggiunto con un miglioramento significativo della sopravvivenza libera da progressione valutata dal Comitato di revisione indipendente con Venetoclax rispetto a placebo più Bortezomib e Desametasone.
Tuttavia, è stato osservato un aumento della mortalità nel gruppo Venetoclax, principalmente a causa di un aumento del tasso di infezioni, evidenziando l'importanza di una selezione appropriata dei pazienti per questa opzione di trattamento. ( Xagena2020 )

Kumar SK et al, Lancet Oncology 2020; 21: 1630-1642

Emo2020 Onco2020 Farma2020


Indietro