Passamonti Neoplasie ematologiche
Bringhen - Mieloma
Arcaini Ematologia
GSK Ematologia

Voxtalisib nei pazienti con linfoma non-Hodgkin recidivato o refrattario o leucemia linfatica cronica


I pazienti con linfoma recidivo o refrattario o leucemia linfatica cronica hanno una prognosi sfavorevole.
Terapie mirate a più di una isoforma di PI3K, così come mTOR, potrebbero aumentare l'attività antitumorale.

È stato condotto uno studio per valutare l'efficacia e la sicurezza di Voxtalisib ( noto anche come XL765 o SAR245409 ), un inibitore pan-PI3K/mTOR, in pazienti con linfoma recidivato o refrattario o leucemia linfocitica cronica / piccolo linfoma linfocitico.

È stato effettuato uno studio non-randomizzato, in aperto, di fase 2, presso 30 cliniche oncologiche negli Stati Uniti, Belgio, Germania, Francia, Paesi Bassi e Australia.

I pazienti di età a partire da 18 anni con punteggio EGOG performance status di 2 o inferiore e linfoma a cellule del mantello recidivato o refrattario, linfoma follicolare, linfoma diffuso a grandi cellule B o leucemia linfatica cronica / piccolo linfoma linfocitico sono stati arruolati e trattati con Voxtalisib 50 mg per via orale due volte al giorno in cicli di dosaggio continuativo di 28 giorni fino a progressione o tossicità inaccettabile.

L'endpoint primario era la percentuale di pazienti in ciascuna coorte specifica per malattia che ha ottenuto una risposta globale, definita come risposta completa o risposta parziale.

Tutti i pazienti che hanno ricevuto più di 4 settimane di trattamento e che hanno completato una valutazione del tumore basale e almeno una post-basale sono stati analizzati per l'efficacia e tutti i pazienti sono stati analizzati per la sicurezza.

Tra il 2011 e il 2013 sono stati arruolati 167 pazienti ( 42 con linfoma a cellule del mantello, 47 con linfoma follicolare, 42 con linfoma diffuso a grandi cellule B e 36 con leucemia linfatica cronica / piccolo linfoma linfocitico ).

Il numero mediano di precedenti terapie antitumorali era 3 per i pazienti con linfoma e 4 per i pazienti con leucemia linfatica cronica / piccolo linfoma linfocitico.

Dei 164 pazienti valutabile per l'efficacia, 30 ( 18.3% ) hanno ottenuto una risposta globale ( parziale, n=22, completa, n=8 ); 19 su 46 con linfoma follicolare ( 41.3% ), 5 su 42 con linfoma a cellule del mantello ( 11.9% ), 2 su 41 con linfoma diffuso a grandi cellule B ( 4.9% ) e 4 su 35 con leucemia linfatica cronica / piccolo linfoma linfocitico ( 11.4% ).

Il profilo di sicurezza è stato coerente con quello degli studi precedenti su Voxtalisib. Gli eventi avversi più frequentemente riportati sono stati diarrea ( in 59 su 167 pazienti, 35% ), affaticamento ( in 53, 32% ), nausea ( in 45, 27% ), piressia ( in 44, 26% ), tosse ( in 40, 24% ) e diminuzione dell'appetito ( in 35, 21% ).
Gli eventi avversi di grado 3 o superiore riportati più frequentemente sono stati anemia ( in 20 su 167 pazienti, 12% ), polmonite ( nel 14, 8% ) e trombocitopenia ( in 13, 8% ).
Eventi avversi gravi si sono verificati in 97 su 167 pazienti ( 58.1% ).

Voxtalisib 50 mg somministrato per via orale due volte al giorno ha mostrato un profilo di sicurezza accettabile, con efficacia promettente nei pazienti con linfoma follicolare, ma limitata efficacia nei pazienti con linfoma a cellule del mantello, linfoma diffuso a grandi cellule B o leucemia linfatica cronica / piccolo linfoma linfocitico. ( Xagena2018 )

Brown JR et al, Lancet Haematol 2018; 5: e170-e180

Onco2018 Emo2018 Farma2018


Indietro