Madrid 22nd congress
2017 ASH Meeting on Hematologic
isth 2017
OncoGinecologia.net

I superstiti al linfoma di Hodgkin sono ad aumentato rischio di successive neoplasie maligne correlate al trattamento. L'effetto dei trattamenti meno tossici, introdotti alla fine del 1980, sul risc ...


I test in grado di predire gli esiti per i pazienti con leucemia mieloide acuta ( AML ) sono imprecisi, soprattutto per quelli con rischio intermedio di leucemia mieloide acuta. Si è determinato se ...


La letteratura recente riporta una potenziale associazione tra un alto livello di vitamina D e una migliore prognosi nel linfoma. È stato valutato l'impatto del pretrattamento con vitamina-D sull’es ...


I pazienti con neoplasie mieloproliferative croniche sono ad aumentato rischio di nuovi casi di tumore solido o ematologici, ma non è chiaro come la prognosi sia influenzata nei pazienti con precedent ...


La chemioterapia ad alte dosi con trapianto autologo di cellule staminali ( ASCT ) è stata dimostrata efficace nel controllo del linfoma follicolare recidivato / refrattario. Sono stati valutati i r ...


La strategia di trattamento ottimale con l'uso del trapianto di cellule staminali ematopoietiche ( HSCT ) per il linfoma di Hodgkin ( HL ) recidivato e refrattario rimane poco chiara. È stata effett ...


E’stato riscontrato un elevato tasso di riattivazione della infezione da virus dell’epatite B ( HBV ) nei pazienti naive al trattamento ( mai trattati ) sottoposti a trapianto di cellule staminali ema ...


Uno studio ha mostrato che i pazienti sottoposti a trapianto di cellule staminali ematopoietiche hanno presentato un aumento del rischio di neoplasie maligne cutanee. E’stata condotta una revisione ...


Il fumo è ritenuto un fattore di rischio ambientale per la leucemia mieloide acuta ( AML ). L'obiettivo primario di una meta-analisi di studi osservazionali è stato quello di valutare la relazione e ...


È stato condotto uno studio per esaminare gli esiti nei pazienti con linfoma a cellule del mantello sensibile a chemioterapia in seguito a un primo trapianto di cellule staminali ematopoietiche, confr ...


L’infusione di linfociti da donatore ( DLI ) è spesso praticata per indurre un effetto trapianto-versus-leucemia ( GVL ) dopo trapianto allogenico di cellule staminali ematopoietiche ( HSCT ). Tutta ...


E’ stata effettuata una sottoanalisi dello studio GIMEMA-MMY-3006 per caratterizzare la neuropatia periferica emergente dal trattamento nei pazienti randomizzati a Talidomide - Desametasone ( TD ) o a ...


Il trapianto allogenico non-mieloablativo di cellule staminali ematopoietiche ( HSCT ) è curativo per i bambini con grave anemia falciforme, ma la tossicità può essere proibitiva per gli adulti. Il ...


La mielofibrosi primaria ( PMF ) è una neoplasia mieloproliferativa caratterizzata da mieloproliferazione clonale di derivazione dalle cellule staminali, espressione anomala di citochine, fibrosi del ...


La splenectomia può essere un'opzione terapeutica efficace per il trattamento della splenomegalia massiva in pazienti con neoplasie mieloproliferative ( MPN ). Ci sono ancora pochi dati sui suoi b ...